Ifad: agricoltura dà reddito a milioni di persone, 40% donne

A Summit Finance in Common di Cdp fari su povertà dei lavoratori

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - L'agricoltura dà un reddito a milioni di persone, molte delle quali sono povere, e le donne rappresentano 40% della forza lavoro in questo settore, tuttavia, "nel mondo queste categorie, spesso, fanno fatica ad avere una vita decente grazie a queste attività. Il numero di persone affamate è in crescita dal 2014, e non ci sarà abbastanza cibo per soddisfare la popolazione mondiale se non raddoppiamo la produzione". Ad affermarlo il direttore della sezione Sustainable Production, Markets and Institutions dell'IFad Thouraya Triki, che ha evidenziato, intervenendo al Summit Finance in Common promosso a Roma da Cassa depositi e prestiti (Cdp) che "sappiamo, inoltre, che i sistemi alimentari sono responsabili di circa 1/3 delle emissioni di gas serra a livello globale". Di problemi di genere ha parlato il direttore generale de La Banque Agricole du Sénégal Malick Ndiaye, secondo cui occorre che le donne e i giovani abbiano accesso alla terra.
    "Abbiamo bisogno di investire di più nel settore agricolo e dobbiamo investire in massa nelle catene alimentari" ha aggiunto inoltre. Siamo di fronte a una opportunità per la finanza verde di rafforzare la resilienza dei piccoli agricoltori", precisando che "è importante anche il sostegno all'innovazione, anche tecnologica, per rafforzare le capacità di produzione". La rappresentante della Banca Mondiale Mari Pangestu ha osservato che "questo è un momento di grandi opportunità, se non le cogliamo adesso non so quando possiamo farlo. Dobbiamo iniziare a dire cosa funziona, e perché altre cose non funzionano.
    Abbiamo bisogno di un ricambio generazionale nel sistema alimentare", ha chiuso. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA