Gros Pietro, potenza imprese sia diretta a sostenibilità

E banche possono indirizzare processi di scelta

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 15 SET - "Le imprese vanno avanti facendo ciò che è consentito, quando sono imprese leali, e ciò che è profittevole, ma questo non è più sufficiente. Le imprese sono troppo potenti per non assumersi direttamente la responsabilità degli effetti che generano". Lo afferma il presidente di Intesa Sanpaolo, Gian Maria Gros Pietro, all'evento di presentazione del portale Ansa2030 "Lo sviluppo sostenibile, l'Italia e l'Agenda 2030" in diretta streaming su ANSA.IT dalla Centrale Montemartini.
    "Le imprese sono potentissime, non sono mai state così potenti, nel senso che non c'è mai stata un'organizzazione potente come le imprese per capacità di modificare l'ambiente, efficacia nel raggiungere i propri obiettivi e efficienza nell'impiego delle risorse. Allora è fondamentale che tutta questa potenza venga diretta a un obiettivo utile, positivo", dice Gros-Pietro dopo aver osservato come ormai sia "evidente" che la sostenibilità sia anche profittevole.
    Quanto alle banche, queste hanno, per il presidente di Intesa, "una responsabilità ancora maggiore di quella delle imprese" perché sono al centro dei processi di scelta e possono "orientare i processi di scelta spostando la finanza da un impiego all'altro". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA