Energia: Starace,con Covid viaggio nel futuro su transizione

Che fosse benefica era chiaro, ora visto che è possibile

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 30 NOV - "Che la transizione fosse in atto e fosse benefica era chiaro sin dall'inizio. Con il Covid abbiamo solo visto che è possibile, che in effetti i benefici dal punto di vista ambientale di sono, e dal punto di vista dei sistemi elettrici non c'è problema. Qundi non abbiamo più nessun motivo per non perseguire con grande rigore e determinazione quella traiettoria che noi avevamo già introdotto". Lo ha detto l'a.d.
    dell'Enel Francesco Starace partecipando alla terza edizione dei 'Dialoghi italo-francesi' su "Next Generation EU et Green Deal: il punto di vista delle imprese", iniziativa di Luiss Guido Carli e Sciences Po.
    I trend che portano ad una decarbonizzazione dell'energia elettrica "erano già partiti. Si dice che il Covid ha accelerato questo trend: in realtà non è così, il Covid ci ha fatto fare come un viaggio nel futuro. Grazie al Covid ci siamo portati 5-10 anni avanti rispetto a quello che comunque sarebbe successo. Quando sarà finito torneremo indietro nel tempo, ma non potremo più dire che non è possibile perché ci siamo già stati. La strada era quella, lo sapevamo e l'avevamo imboccata, e porta ad una società sostanzialmente più sicura, più compatibile con il pianeta e più in armonia con l'ambiente".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA