Città: Asvis, aumentano abusi edilizi e case più affollate

Giovannini, siano centrali nel piano di ripresa e resilienza

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 30 OTT - Peggiora in Italia la situazione delle città. Nel 2019 l'indice composito elaborato dall'Asvis Città e comunità sostenibili per misurare l'andamento del Paese verso l'Obiettivo 11 dell'agenda 2030 si contrae, affossato dall'aumento dell'abusivismo edilizio (+5,5% dal 2010 al 2019), dal sovraffollamento delle abitazioni (+18,6%) e dall'aumento dell'utilizzo dei mezzi privati per recarsi sul posto di lavoro.
    "Per invertire questa tendenza - scrive l'Alleanza per lo sviluppo sostenibile alla vigilia della Giornata mondiale delle città - sono necessari interventi di riqualificazione energetica dell'edilizia, mobilità sostenibile, lotta alla povertà con interventi mirati nelle periferie, digitalizzazione e contrasto all'inquinamento e al consumo di suolo".
    Per il 2020 è ritenuto "difficile valutare quale sarà la direzione dell'indicatore" perché, a seguito delle misure di contrasto alla pandemia, è aumentata "considerevolmente" la qualità dell'aria nelle città, ma l'emergenza sanitaria ha diminuito anche l'utilizzo dei mezzi pubblici.
    "Le città sono determinanti per l'attuazione dell'Agenda 2030, per portare il Paese verso la sostenibilità economica, sociale e ambientale e vanno considerate come centrali nel disegno del Piano nazionale di ripresa e resilienza finanziato dal Next Generation Eu", commenta il portavoce dell'Asvis, Enrico Giovannini. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA