Nosiglia, cultura antidoto povertà

Arcivescovo Torino accompagna indigenti Caritas Reggia Venaria

Redazione ANSA VENARIA REALE (TORINO)
(ANSA) - VENARIA REALE (TORINO), 27 NOV - "La cultura, l'arte e la bellezza aiutano lo spirito ad aprirsi ad una dimensione di speranza. I poveri non devono essere esclusi da luoghi come questo, perché sono cittadini come tutti gli altri". Così l'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, che oggi pomeriggio ha accompagnato un gruppo di indigenti della Caritas e della Diocesi a visitare la Reggia di Venaria. "Rispondere agli attacchi terroristici solo con la forza militare - aggiunge - è sbagliato".

Quello di oggi è il primo gruppo di indigenti che fa visita al capolavoro architettonico dello Juvarra. Ne seguiranno altri, sempre da 50-60 persone l'uno. "Nel momento in cui siamo in forte difficoltà, in crisi, bisogna dare forza e vigore alla cultura che è una delle più grandi ricchezze che abbiamo - aggiunge monsignor Nosiglia -. Rispondere agli attacchi terroristici solo con la forza militare è sbagliato. Dobbiamo recuperare valori che avevamo dimenticato e messo un po' in ombra e su cui invece possiamo scommettere il nostro futuro: se lo facciamo diventiamo forti dal punto di vista culturale ed etico-spirituale e quelli che ci hanno attaccato lo capiscono".(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA