Il ceo di Pfizer rifiuta di nuovo audizione all'Eurocamera sui vaccini

Van Brempt:'Mancanza di trasparenza getta ombra su strategia Ue'

Redazione ANSA

BRUXELLES - Il ceo di Pfizer, Albert Bourla, ha rifiutato per la seconda volta di fila di comparire davanti al Parlamento europeo per un'audizione sulle trattative portate avanti con la Commissione Ue per la fornitura di vaccini. Lo riferisce via Twitter la presidente della commissione speciale sul Covid dell'Eurocamera, Kathleen Van Brempt (S&D). "Il Parlamento europeo ha il diritto di ottenere piena trasparenza" sui contratti e "il fallimento della Commissione Ue e di Pfizer" nel dare risposte "mostra un disinteresse per il ruolo del Pe e getta un'ombra inutile sul successo della strategia europea sui vaccini", evidenzia l'eurodeputata.

"Rispetto all'audizione di ottobre non abbiamo ulteriori informazioni da condividere quindi declino rispettosamente l'invito". Lo scrive il ceo di Pfizer, Albert Bourla, in una lettera indirizzata alle presidente della commissione speciale sul Covid dell'Europarlamento, Kathleen Van Brempt (S&D), ufficializzando il suo rifiuto ad apparire davanti agli eurodeputati. "Poche settimane fa, la nostra presidente per i mercati internazionali, Janine Small, ha già testimoniato davanti alla vostra commissione", ha sottolineano Bourla, riferendosi alla sessione di ottobre. In quell'occasione, tuttavia, a differenza di Gilead Sciences, Sanofi, AstraZeneca e Moderna, tutte rappresentate dai rispettivi ceo, Pfizer fu l'unica società a mandare una dirigente.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


Modifica consenso Cookie