Covid: protesta albergatori Milano davanti alla prefettura

Chiesto il blocco licenziamenti per tutto il 2021

(ANSA) - MILANO, 15 GEN - Decine di lavoratori del settore alberghiero si sono riuniti davanti alla sede della Prefettura di Milano per rivendicare i propri diritti durante l'emergenza sanitaria.
    Tre i punti fondamentali della protesta organizzata dai sindacati Confederazione unitaria di Base e S.I. Cobas: "Chiediamo prima di tutto che il blocco dei licenziamenti venga prorogato fino a fine anno - ha detto Roberto Firenze di S.I.
    Cobas - e che le aziende non abbiano deroghe per aggirare tale blocco. In secondo luogo, che la cassa integrazione copra almeno l'80% dello stipendio, mentre ora arriva a malapena al 50%".
    "Rischiamo la fame" recita un cartello appeso al muro della prefettura. Infine, la questione degli appalti: "Sono mesi che organizziamo presidi - ha raccontato un'altra rappresentante dei Cobas - chiedendo a gran voce che il problema degli appalti venga risolto. È necessario costruire rapporti di lavoro stabili e assunzioni dirette perché la catena degli appalti è incontrollabile, come dimostra il caso dell'hotel Gallia, dove 80 lavoratori sono attualmente a casa perché a dicembre è stato ritirato l'appalto". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Camera di Commercio di Milano
Camera di Commercio di Milano



Modifica consenso Cookie