Marche
  1. ANSA.it
  2. Marche
  3. Marche & Europa
  4. Regioni: via libera Commissione Ue a Fse+2021-2027 Marche

Regioni: via libera Commissione Ue a Fse+2021-2027 Marche

296 mln oltre 50 mln complementare. Acquaroli,innesca interventi

   Via libera della Commissione europea al programma Fse + (Fondo sociale europeo Plus) 2021-2027 della Regione Marche. Lo fa sapere la Regione. La programmazione Fse+ 2021-2027 "potrà contare su una dotazione complessiva di 296 milioni di euro alla quale si aggiungono quasi 50 milioni di euro del programma complementare" ottobre 2022. L'ok della Commissione Ue è "un importante traguardo che consente di dare il via libera agli interventi previsti con la nuova programmazione e quindi all'emissione dei relativi bandi".
    "Il fondo Fse interviene sulla sfera che mette al centro il cittadino e la sua dimensione sociale, con gli assi dedicati all'occupazione, all'istruzione e alla formazione, all'inclusione sociale e ai giovani - afferma il presidente della Regione, Francesco Acquaroli - e consente alla Regione di aprire finalmente la fase operativa dell'utilizzo dei fondi europei 21-27 per l'avvio dei bandi. In un periodo storico particolarmente complicato e difficile l'approvazione del Fondo Sociale Europeo ci permette di intervenire in merito a quei settori come il lavoro e la formazione per innescare opportunità puntuali e efficaci sul nostro territorio".
    Nel prossimo settennio la programmazione Fse+ 2021-2027 "potrà contare su un programma, cofinanziato dalla Commissione Europea, dallo Stato e dal bilancio regionale, con una dotazione complessiva di 296 milioni di euro, al quale si aggiunge un programma complementare cofinanziato da sole risorse dello Stato con una dotazione di quasi 50 milioni di euro".
    "Quattro gli assi di intervento: ASSE 1 Occupazione (104 Mln di euro) |ASSE 2 Istruzione e Formazione (44 Mln di euro) |ASSE 3 Inclusione sociale (91 Mln di euro) | ASSE 4 Giovani (44,7 Mln di euro), con una strategia complessiva che mette al centro la persona in un percorso di crescita professionale e personale, in un'ottica di inclusione sociale che non permetta a nessuno di essere dimenticato". Gli "obblighi regolamentari hanno previsto una quota minima del 12,5% da destinare ai giovani e del 25% da destinare all'inclusione sociale, ma la Regione Marche ha optato per dotazioni superiori". La programmazione è "frutto dell'analisi delle criticità del contesto regionale e tiene conto delle indicazioni dei Comitati di Indirizzo e Tecnico, delle risultanze emerse dai cinque tavoli di lavoro attivati e dagli spunti raccolti nel corso dei numerosi incontri con gli stakeholder realizzati sul territorio". Un percorso, riferisce la Regione, "che ha portato all'elaborazione di un programma il cui obiettivo è, in estrema sintesi, l'occupazione, con un impegno particolare per i giovani, per l'acquisizione di competenze e per l'inclusione sociale". La strategia di intervento "prevede la capacità di creare opportunità lavorative per i giovani, contrastando lo scoraggiamento che coglie alcuni di essi nella fase di ricerca, dare strumenti a chi necessita di riqualificazione e ricollocazione, favorendo il reinserimento occupazionale dei disoccupati, potenziare il raccordo tra istruzione, formazione e mondo delle imprese, sostenere l'istruzione terziaria dei giovani meritevoli e appartenenti a famiglie a basso reddito, ridurre i fenomeni di marginalità economica e sociale, potenziando gli ambiti territoriali sociali. Il prossimo passo - conclude la Regione Marche - sarà dunque l'emissione dei primi bandi a valere sulla nuova programmazione". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie