Cronaca
  1. ANSA.it
  2. Cronaca
  3. Tensione e incidenti alla manifestazione per Lorenzo a Napoli

Tensione e incidenti alla manifestazione per Lorenzo a Napoli

Vernice contro sede industriali. Forze dell'ordine caricano

Incidenti sono scoppiati in piazza dei Martiri a Napoli davanti alle sede dell'Unione degli Industriali, tra studenti e attivisti dei Centri sociali, che manifestavano per la morte dello studente Lorenzo Parelli, e le forze dell'ordine. I manifestanti, alcune centinaia, hanno lanciato vernice rossa sul portone della sede ed hanno tentato di forzare il cordone delle forze dell'ordine. Polizia e carabinieri hanno risposto con una carica. I manifestanti si sono diretti in Piazza Vittoria dove hanno cominciato un blocco stradale e poi si sono incolonnati in corteo lungo via Partenope.

E' tornata invece la calma in piazza Albarello, a Torino, dopo le tensioni tra le forze dell'ordine e gli studenti che manifestano per la morte del 18enne in stage Lorenzo Parelli. I ragazzi hanno abbandonato, almeno per il momento, l'intenzione di muoversi in corteo, vietato in zona arancione, e si stanno confrontando in assemblea. "Ci sono almeno una decina di feriti tra di noi - denunciano gli studenti - in seguito alle cariche di questa mattina. Noi andiamo avanti con la protesta". La Cub Torino, in una nota, manifesta "piena solidarietà agli studenti" e ribadisce, in una nota, l'impegno "per l'abolizione dell'alternanza scuola lavoro, una norma che rende le scuole subalterne al sistema delle imprese ed è volta solo a un addestramento delle giovani generazioni a condizioni di sfruttamento e precarietà".

Intanto ci sarebbe una seconda persona indagata nella vicenda della morte di Lorenzo Parelli, il ragazzo di 18 anni morto all'ultimo giorno di tirocinio alla Burimec di Lauzacco, colpito da una barra d'acciaio di 150 chilogrammi. Si tratterebbe del primo operaio che soccorse il ragazzo, un atto di garanzia anche in vista dell'autopsia, il cui incarico dovrebbe essere disposto oggi dalla Procura al medico legale Carlo Moreschi. Lo riporta il quotidiano Messaggero Veneto oggi in edicola. Fino a questo momento nel registro degli indagati era iscritto soltanto Pietro Schneider, di 71 anni, legale rappresentante dell'azienda. Secondo quanto riporta il Messaggero Veneto, l'operaio non avrebbe particolari incarichi in azienda e sarebbe ancora sotto choc per l'incidente. Titolare dell'inchiesta è la pm Lucia Terzariol, le indagini sono condotte dai carabinieri del Nucleo investigativo di Udine e ai colleghi della Compagnia di Palmanova

Manifestazione anche a Trento - Una settantina di persone, tra studenti, esponenti politici e portavoce di associazioni locali, hanno manifestato in via Verdi, a Trento, contro la legge che prevede l'alternanza scuola-lavoro. L'iniziativa, promossa dall'Unione degli universitari di Trento (Udu) e dalla Rete degli studenti medi, si inseriva nell'ambito della mobilitazione nazionale in ricordo di Lorenzo Parelli, il 18enne rimasto ucciso durante lo stage in provincia di Udine. Hanno aderito alla manifestazione Cgil, Cisl e Uil del Trentino, Unitin, Futura Trento e le sezioni provinciali di Arci, Anpi, Arcigay, Rifondazione comunista e Forum Mimmo Lucano. "Quanto accaduto a Udine è un fatto gravissimo e una tragedia, ma è anche sintomatico di un sistema sbagliato, da cui emergono due grandi emergenze per il Paese: la questione della sicurezza sul lavoro e gli stage scolastici. Gli studenti vengono mandati in luoghi di lavoro che troppo spesso non sono sicuri, con una logica sbagliata di sottrarre ore di studio a favore dell'inserimento in un'azienda per lavorare gratis", ha spiegato all'ANSA il portavoce di Udu, Federico Amalfa.

Studenti in marcia anche a Cagliari - Studenti in piazza in tutta Italia per ricordare Lorenzo Parelli, il ragazzo morto durante l'ultimo giorno di stage a Udine. E anche a Cagliari decine di studenti si sono ritrovati davanti al porto per ricordare il "compagno" e manifestare contro le attuali modalità dell'alternanza scuola lavoro. Poi marcia verso piazza del Carmine per gli interventi conclusivi: "Manifestiamo per portare avanti la voce di Lorenzo Parelli, e per tutte quelle persone morte sul lavoro. Senza tutele né sicurezze gli studenti, durante i progetti svolti, sono abbandonati dalle istituzioni" ha spiegato Asia Piras (coordinatrice di Eureka - Rete degli Studenti Medi Cagliari). "Siamo qua oggi per ricordare Lorenzo, vittima dell'alternanza scuola-lavoro - ha aggiunto - Ma io mi chiedo: è stato davvero un incidente? Una morte bianca? Credo proprio di no. Lorenzo è stato ucciso da un sistema di sfruttamento. Un sistema che ci costringe a lavorare gratuitamente, senza formazione, senza sicurezza. Abbiamo fatto le nostre 8 ore di corso sulla sicurezza obbligatorio e poi ci hanno dato in pasto ad aziende pagate per assumerci, senza che noi vedessimo un soldo. Durante il nostro percorso di studi sacrifichiamo ore e ore della nostra vita per lavorare, anziché stare a scuola, o peggio, sacrifichiamo il nostro tempo libero. Ci danno lavori inutili o alienanti, che spessissimo non hanno nulla a che vedere con quello che studiamo. Ci privano della nostra vita sociale, dei nostri interessi, delle nostre passioni per costringerci a lavorare come i nostri nonni". Ancora proteste. "Perché noi - ha continuato Piras - non abbiamo scelta, se non completiamo il percorso di alternanza fino all'ultimo minuto ci possiamo scordare di essere ammessi all'esame di stato. È un ricatto. E oggi questo riscatto l'abbiamo pagato col sangue. Lorenzo era uno di noi, aveva 18 anni. Dobbiamo alzare la testa, altrimenti lui sarà solo il primo di tanti. Dobbiamo lottare in onore di Lorenzo e rivoluzionare il sistema. Perché tutto questo non è scuola e non è lavoro"

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie