Libri
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Libri
  4. Un libro al giorno
  5. La resistenza de 'Le sarte di Auschwitz'

La resistenza de 'Le sarte di Auschwitz'

25 ragazze che si sono salvate cucendo nel libro della Adlington

   LUCY ADLINGTON, LE SARTE DI AUSCHWITZ (RIZZOLI, PP 432, EURO 19,00). Salvarsi dalle camere a gas e dai forni cucendo abiti d'alta moda per le mogli delle SS e le dame dell'elite nazista berlinese, per le signore dei propri aguzzini. A dare voce alla storia de 'Le Sarte di Auschwitz', venticinque ragazze sopravvissute al campo di sterminio grazie al loro talento e capaci di costruire, attraverso la solidarietà, una rete di resistenza, è l'inglese Lucy Adlington. Storica della moda, autrice di diversi romanzi ambientati negli anni Quaranta, in questo suo primo libro tradotto in italiano, la Adlington ci mostra con uno sguardo inedito le orribili crudeltà e contraddizioni del regime nazista.
    Tutte dell'Europa orientale, per la maggior parte slovacche, tranne due francesi, le ragazze arrivate ad Auschwitz nel 1942, lavoravano in una stanza nel seminterrato dell'edificio che ospitava gli uffici amministrativi delle SS. La moglie del comandante, Hedwig Hoss, che aveva ideato il Laboratorio di Alta Sartoria, era la loro principale cliente.
    Non è un segreto che le donne dell'elite nazista attribuissero valore agli indumenti, "Eva Braun, l'amante di Hitler, adorava la moda al punto da farsi consegnare l'abito da sposa nella Berlino in fiamme degli ultimi giorni, prima del suicidio e della resa tedesca. Lo indossò con un paio di scarpe Ferragamo" spiega la Adlington, ma la sola idea di una sartoria d'alta moda per signora ad Auschwitz "rappresenta un'orribile anomalia".
    Private di tutto, le 25 sarte passavano le loro giornate, con un fazzoletto bianco in testa, tagliando, cucendo, disegnando senza sosta abiti e biancheria per persone orribili che le disprezzavano e le consideravano subumane. La più piccola aveva 14 anni e la chiamavano Gallinella, le altre erano intorno ai vent'anni. Le due francesi non erano ebree ma le comuniste Alida e Marilou, arrivate per essersi opposte all'occupazione nazista del loro Paese. Tra loro si creò una rete d'amicizia e lealtà e mentre infilavano aghi, tra il rumore delle macchine da cucire, imbastivano insieme agli abiti progetti di resistenza e fuga. A volte le cucitrici assegnate al turno di notte nella sala rammendi, riuscivano nell'operazione rischiosissima di sintonizzare la radio sulla Bbc.
    Il Laboratorio come veniva chiamato "condensava i valori di fondo del Terzo Reich: il privilegio e il compiacimento uniti al saccheggio, alla degradazione e all'omicidio di massa" sottolinea l'autrice che ha intervistato l'ultima sopravvissuta ancora in vita, la signora Bracha Kohut, quando aveva 98 anni, nella sua casa sulle colline non lontano da San Francisco, ha incontrato le famiglie delle "sarte" e consultato molti archivi per la stesura del libro, tradotto da Chicca Galli. 'Le sarte di Auschwitz', che include foto in bianco e nero, "non è un racconto romanzato. Le scene e le conversazioni intime descritte si basano interamente su testimonianze , documenti, prove materiali e memorie narrate ai membri delle loro famiglie o personalmente a me, corroborati da ampie letture e dalla consultazione degli archivi" sottolinea nell'introduzione l'autrice.
    La Adlington ricostruisce anche il rapporto del nazismo con la moda e ci mostra quanto "eliminare gli ebrei dall'industria della moda e dal settore dell'abbigliamento nel suo insieme" non fosse "un effetto collaterale fortuito dell'antisemitismo" ma un vero e proprio obiettivo.
    Marta Fuchs, che gestiva il Laboratorio ed era conosciuta per la sua bravura come sarta anche oltre il filo spinato, salvò tante donne, Irene, Olga, Lulu , Baba, suggerendo i loro nomi alla sorvegliante responsabile dell'atelier, la Ruppert, e insistendo per avere altre lavoranti al laboratorio. Con Marta l'atelier di Auschwitz diventò un rifugio "anche per chi non sapeva tenere in mano ago e filo". Grazie alle relative condizioni di privilegio di cui godevano le sarte potevano anche riunirsi la sera in gruppi di studio condividendo le loro conoscenze. Alcune presero lezioni di tedesco, altre impararono il francese. Anna Binder, una delle più intime amiche di Marta - racconta la Adlington - amava discutere di scienza e filosofia.
    Le piaceva anche comporre poesie satiriche e questo "le procurò tre settimane di prigione, quando fu scoperta".
    Parlare di quello che hanno vissuto è stato per molto tempo impossibile. Per Bracha Kout che è stata ad Auschwitz mille giorni e ogni giorno avrebbe "potuto morire mille volte", per anni l'Olocausto è stato un argomento tabù. E quando a Marta i nipoti chiedevano che cos'era il tatuaggio con il numero del campo 2043, lei rispondeva: "E' il numero di Dio". Irene negli ultimi anni della sua vita rese omaggio alle compagne dicendo: "Era l'inferno in terra, ma c'erano persone che mantennero la propria umanità". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie