Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. News dalle Ambasciate
  4. Programma Falcone-Borsellino, a Quito convegno contro corruzione

Programma Falcone-Borsellino, a Quito convegno contro corruzione

Evento sul sistema di prevenzione in Italia e in Ecuador

(ANSA) - ROMA, 25 NOV - Il 22 e 23 novembre, esperti internazionali e regionali di prevenzione e lotta alla corruzione si sono riuniti a Quito per l'evento 'Nuove prospettive contro la corruzione'.
    L'evento, che ha affrontato metodologie e strumenti per la prevenzione della corruzione in una prospettiva evolutiva e comparativa, è stato organizzato nel quadro del Programma Falcone-Borsellino, finanziato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiano, la cui realizzazione è stata affidata all'Organizzazione Internazionale Italo-Latino Americana (IILA), in collaborazione con la Segreteria per le Politiche Pubbliche Anticorruzione della Presidenza della Repubblica dell'Ecuador e con il supporto dell'Ambasciata d'Italia in Ecuador.
    L'evento si è concentrato sul sistema di prevenzione della corruzione in Italia e in Ecuador, con la partecipazione delle principali istituzioni latinoamericane e caraibiche responsabili della prevenzione della corruzione, della trasparenza e degli appalti pubblici. La prima giornata è stata dedicata alla presentazione dell'esperienza italiana ed ecuadoriana nella prevenzione della corruzione e nella promozione dell'integrità pubblica. Il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale italiano, Antonio Tajani, ha fatto pervenire un messaggio di saluto e sostegno all'Iniziativa. Ad aprire i lavori, tra gli altri, Luis Verdesoto, Segretario per le Politiche Pubbliche Anticorruzione, e Michele Pala, Direttore Centrale per l'America Latina e i Caraibi della Direzione Generale per la Globalizzazione e gli Affari Globali del Ministero degli Esteri. Alla cerimonia di apertura è seguita la prima sessione, che ha riguardato la presentazione del modello di Autorità Nazionale Anticorruzione italiana. La seconda sessione è stata dedicata alla politica e ai meccanismi di integrità pubblica e anticorruzione dell'Ecuador.
    Il secondo giorno è stato caratterizzato da un primo evento di dialogo tecnico dedicato alle buone pratiche e alle lezioni apprese dalle seguenti istituzioni latinoamericane: Ufficio anticorruzione dell'Argentina; Società per i beni speciali (S.A.E.) della Colombia; Procura anticorruzione del Costa Rica; Segreteria del servizio pubblico del Messico; Ufficio del procuratore generale di Panama; Direzione nazionale degli appalti pubblici del Paraguay. La seconda sessione si è articolata in una tavola rotonda su 'Meccanismi (o organismi) di cooperazione internazionale e regionale contro la corruzione'.
    La chiusura dell'incontro è stata affidata a un video messaggio del Segretario Generale dell'IILA, Antonella Cavallari, che ha sottolineato i messaggi fondamentali emersi dall'evento: "L'approccio alla lotta alla corruzione non può essere solo repressivo, è necessario rafforzarne la prevenzione.
    A tal proposito ogni Paese propone una risposta differente, in termini sia di priorità che di modelli istituzionali e questa diversità di modelli è un'opportunità che si deve approfondire e condividere per ottenere risultati sempre più efficienti. La quarta fase del Programma Falcone-Borsellino sarà infatti dedicata alla creazione di una rete di operatori europei e latinoamericani, con l'obiettivo di rafforzare ancor di più lo scambio a livello internazionale di buone pratiche ed esperienze".
    L'evento ha offerto l'opportunità di rafforzare la volontà politica dei governi e della comunità internazionale nel suo complesso di compiere progressi nella lotta alla corruzione. I governi hanno potuto fare il punto sugli sforzi, e gli impegni globali, individuando soluzioni alle sfide comuni nella prevenzione e nella lotta alla corruzione, attraverso uno scambio di esperienze sulle migliori pratiche e sulle lezioni apprese. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie