Mondo
  1. ANSA.it
  2. Mondo
  3. News dalle Ambasciate
  4. Agroindustria: debutto 'maxi' per Italia a fiera in Ghana

Agroindustria: debutto 'maxi' per Italia a fiera in Ghana

Padiglione più grande con 20 aziende a Plastprintpack Agrofood

(ANSA) - IL CAIRO, 01 DIC - Nella sua "prima partecipazione in forma ufficiale", l'Italia ha allestito il più grande padiglione della Fiera "Plastprintpack & Agrofood West Africa 2022", il principale evento fieristico delle tecnologie per la filiera agroindustriale del Ghana che si conclude oggi. È quanto emerge da un comunicato dall'Ambasciata d'Italia ad Accra in cui si sottolinea che le aziende italiane partecipanti sono 20.
    Il padiglione è stato allestito anche per "valorizzare la candidatura di Roma ad ospitare Expo 2030" in una manifestazione iniziata martedì e a cui hanno partecipato circa 100 aziende provenienti da 20 Paesi, alcuni con propri padiglioni nazionali come quelli tedesco, olandese e sudafricano.
    Lo stand tricolore stato inaugurato dall'Ambasciatrice d'Italia, Daniela d'Orlandi; e dal Direttore dell'Ufficio Ice in Ghana, Alessandro Gerbino, alla presenza di autorità ghanesi.
    La presenza è stata organizzata dall'Ice in collaborazione con le Associazioni di categoria Amaplast (Associazione nazionale costruttori di macchine e stampi per materie plastiche e gomma), Acimga (Associazione costruttori italiani di macchine per l'industria grafica, cartotecnica, cartaria, di trasformazione e affini), Ucima (Unione costruttori italiani macchine automatiche per il confezionamento e l'imballaggio) e Anima/Assofoodtec (Associazione italiana costruttori macchine, impianti, attrezzature per la produzione, la lavorazione e la conservazione alimentare).
    "La partecipazione italiana ha l'obiettivo di far crescere la conoscenza delle possibilità tecnologiche e delle competenze italiane in settori prioritari per l'economia ghanese, ed allo stesso tempo consentirà alle imprese italiane di acquisire elementi utili sul mercato, per la messa a punto di strategie di approccio commerciale", informa il comunicato diffuso mercoledì.
    Nella cerimonia di inaugurazione dello stand, l'Ambasciatrice d'Orlandi ha sottolineato l'interesse italiano a svolgere un ruolo più attivo in veste di partner economico e commerciale del Ghana, grazie a tecnologie che possono contribuire efficacemente alla creazione di valore aggiunto nel Paese. D'Orlandi inoltre ha osservato come la crescita dell'interscambio tra Italia e Ghana l'anno scorso ha superato i 500 milioni di euro e i beni strumentali rappresentano il pilastro dell'export italiano: due dati che esprimono già un rafforzamento delle relazioni economiche bilaterali. L'Ambasciatrice ha anche espresso auspicio che l'iniziativa contribuisca ad ampliare ulteriormente la collaborazione e le opportunità commerciali tra le imprese dei due Paesi.
    Nella "Plastprintpack & Agrofood West Africa" di quest'anno erano previsti incontri b2b tra aziende italiane e potenziali buyers locali, con la partecipazione di rappresentati istituzionali ed associazioni, nonché un evento di networking con la presenza dei viceministri del Commercio e dell'Industria ghanesi, Herbert Krapa e Oheneba Dokua Asiamah-Adjei, ha segnalato la nota. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie