Politica
  1. ANSA.it
  2. Politica
  3. Berlusconi rinuncia al Colle: 'Ma Draghi resti premier'

Berlusconi rinuncia al Colle: 'Ma Draghi resti premier'

Il Cav ha ringraziato chi lo ha supportato e ha ribadito di aver servito il Paese

Silvio Berlusconi rinuncia al sogno del Quirinale ma 'stoppa' , almeno al momento, Mario Draghi perché resti a Palazzo Chigi. Sette giorni dopo la proposta del centrodestra, il Cavaliere scioglie la riserva e lo fa da convitato di pietra, rimanendo ad Arcore. ll politico più mediatico della seconda repubblica diserta il vertice tanto atteso - trasformato all'ultimo in una riunione via Zoom, per la prima volta - e annuncia il passo di lato con una nota letta dalla fidatissima Licia Ronzulli, senatrice di Forza Italia.

"Ho deciso di compiere un altro passo sulla strada della responsabilità nazionale, chiedendo a quanti lo hanno proposto di rinunciare a indicare il mio nome per la presidenza della Repubblica", è il passaggio clou.

Ma il grande Assente - non si collega e non appare né in video né in audio per tutto il giorno - non rinuncia a dettare la linea alla squadra: "Considero necessario che il governo Draghi completi la sua opera fino alla fine della legislatura per dare attuazione al Pnrr", sottolinea oltre a citare le riforme indispensabili su fisco, giustizia e burocrazia.

Nella giornata del dietrofront, Berlusconi non perde il 'guizzo' e traccia la posizione e il perimetro per tutta la coalizione. In primis, sull'ex governatore di Bankitalia di cui indirettamente frena ogni ambizione al colle più alto. Ma anche sulla partita stessa del Quirinale: "Faremo una proposta condivisa del centrodestra all'altezza in grado di avere il massimo consenso possibile", fa sapere.

"Scelta decisiva e fondamentale, Berlusconi rende un grande servizio all'Italia e al centrodestra". Lo dice il leader della Lega, Matteo Salvini dopo la decisione del Cavaliere. "Berlusconi rende un grande servizio all'Italia e al Centrodestra, che ora avrà l'onore e la responsabilità di avanzare le sue proposte senza più veti dalla sinistra", afferma Salvini.

Come riferiscono fonti della Lega, "non si ferma l'impegno di Matteo Salvini: subito dopo il vertice del centrodestra, ha contattato i segretari degli altri partiti per confermare quanto emerso durante la riunione. Dopo il passo di lato di Silvio Berlusconi, il leader della Lega ha chiarito ai suoi interlocutori che il centrodestra lavora a una rosa di nomi, tutti di altro profilo".

"Abbiamo apprezzato il senso di responsabilità di Silvio Berlusconi, che a seguito della verifica che si era riservato di fare per accertare le effettive possibilità di elezione, ha rinunciato a offrire la sua disponibilità alla candidatura a Presidente della Repubblica". È quanto afferma una nota di Fratelli d'Italia dopo il vertice di centrodestra. "Durante la riunione non sono state formulate da alcuno specifiche proposte di candidatura né tantomeno sono stati posti veti di alcun genere. Piuttosto, durante la riunione, FdI ha insistito affinché fosse chiaro che non auspica in alcun modo che la legislatura prosegua, come invece possono eventualmente ritenere le forze politiche della maggioranza". Così una nota di FdI smentisce indiscrezioni emerse durante il vertice di centrodestra: "La questione di Mario Draghi al Quirinale, sulla quale non abbiamo espresso alcun giudizio, non è stata posta e sarebbe semmai problema che possono avere le forze che partecipano al suo governo".

"Il centro destra non è maggioranza e non ha quindi diritto di prelazione sul Quirinale. Lo abbiamo detto fin dall'inizio. Ora col ritiro di Berlusconi e lo scontro deflagrato all'interno del centrodestra tutto è chiaro. Ora ci vuole accordo alto su nome condiviso e Patto di Legislatura". Lo ha scritto su Twitter il segretario del Pd Enrico Letta.

"Lo avevamo affermato in modo chiaro: la candidatura di Silvio Berlusconi era irricevibile. Con il suo ritiro facciamo un passo avanti e cominciamo un serio confronto tra le forze politiche per offrire al Paese una figura di alto profilo, autorevole, ampiamente condivisa". Lo scrive su Twitter il leader del M5s Giuseppe Conte.

"Con il suo gesto Berlusconi testimonia con generosità e profondo senso dello Stato la sua statura di uomo delle istituzioni ed è un sentimento di gratitudine condiviso da tutto il Centrodestra. Siamo fiduciosi che anche gli altri schieramenti del Parlamento mostreranno altrettanta sensibilità e responsabilità istituzionale". Lo affermano Lorenza Cesa, segretario nazionale dell'Udc e Antonio De Poli, presidente nazionale del partito.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie