Coronavirus, nuovo contagiato in Serie A: positivo Sportiello

Cresce il numero degli infetti. Il portiere dell'Atalanta è asintomatico

C'è un positivo al coronavirus anche nell'Atalanta: è il portiere Marco Sportiello, titolare a Valencia il 10 marzo scorso nella gara di ritorno degli ottavi di Champions League. Il giocatore è asintomatico e la quarantena preventiva, a cui erano stati sottoposti Sportiello e tutti i tesserati della prima squadra, terminerà il 27 marzo.

La settimana scorsa avevano annunciato di aver contratto il virus gli juventini Dybala e Matuidi, dopo Rugani, il centrocampista del Verona Zaccagni e Daniel Maldini del Milan, contagiato come pure papà Paolo. Con Sportiello sale a quota 16 il numero dei calciatori positivi in A. Il triste primato resta della Sampdoria con sette contagiati (Depaoli, Bereszynski, Gabbiadini, Thorsby, Ekdal, Colley e La Gumina), seguita dalla Fiorentina con tre (Vlahovic, Cutrone e Pezzella).

I giocatori italiani si aggiungono agli ormai tanti casi del Vecchio Continente, dall'Inghilterra alla Spagna: nella Premier inglese tra i contagiati più noti, il tecnico dell'Arsenal Arteta. I Gunners, peraltro, avevano affrontato in Europa League l'Olympiacos, il cui presidente è risultato positivo al Covid-19 nei giorni scorsi. Positivi, poi, tre giocatori del Leicester, oltre a Hudson-Odoi del Chelsea, mentre in Spagna il Valencia che aveva affrontato l'Atalanta in Champions (match sotto la lente d'ingrandimento dell'Iss come possibile focolaio) appare una specie di epicentro del contagio con il 35% dei componenti del club risultati positivi, tra cui Ezequiel Garay; tra i giocatori del Valencia non è stato contagiato, invece, l'ex capitano della Roma Florenzi. In isolamento il Real Madrid ancora prima che la capitale spagnola diventasse un epicentro dell'epidemia nel Paese iberico.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie