Oltre 170 Comuni nel mondo vittime di 'ransomware'

Indagine Kaspersky sul 2019, richieste riscatto fino a 5 mln dlr

Il 2019 è stato l'anno degli attacchi ransomware rivolti ai Comuni. Durante gli ultimi 12 mesi, infatti, sono state prese di mira nel mondo almeno 174 istituzioni comunali e oltre 3.000 organizzazioni collegate, con un aumento del 60% rispetto al 2018. Mentre le richieste di riscatto dei criminali informatici raggiungono talvolta fino a 5 milioni di dollari. Sono alcuni dei dati contenuti nel Rapporto di Kaspersky Security Bulletin: Story of the Year 2019.

Il ransomware è un noto 'grattacapo' che colpisce, ormai da diversi anni utenti e aziende di tutto il mondo. I cybercriminali con un virus malevolo prendono di mira un dispositivo, criptano i dati renendoli illeggibili al proprietario e per tornarne in possesso utenti o aziende devono pagare un riscatto ('ransom'). Nel caso delle istituzioni comunali colpite, la causa è da addebitare a tre famiglie più note di ransomware: Ryuk, Purga e Stop.

Nella Pubblica amministrazione, il blocco di un qualsiasi servizio si traduce non solo in perdite finanziarie ma anche nel blocco dei servizi ai cittadini. "Dalle nostre indagini è emerso che la tendenza dei Comuni a pagare il riscatto è giustificata dalla stipula di assicurazioni che coprono il costo dei rischi informatici o da budget precedentemente allocati per i servizi di incident response. Per evitare questi attacchi però, il migliore approccio consiste nell'investire in misure proattive: soluzioni di sicurezza e di backup collaudate e regolari controlli di sicurezza", commenta Fedor Sinitsyn, security researcher di Kaspersky. 
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie