Valle d'Aosta
  1. ANSA.it
  2. Valle d'Aosta
  3. Consiglio Valle
  4. Casa, via libera a riqualificazione quartiere Cogne di Aosta

Casa, via libera a riqualificazione quartiere Cogne di Aosta

Approvato disegno di legge, voto favorevole anche di Pcp

Il Consiglio Valle ha approvato - 20 voti a favore e 15 astensioni - il disegno di legge che contiene disposizioni in materia di interventi di riqualificazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica. Il testo si compone di cinque articoli "volti a sostenere l'Azienda regionale per l'edilizia residenziale nella realizzazione di interventi di riqualificazione del patrimonio regionale di edilizia residenziale pubblica, in particolare nel Quartiere Cogne".
    È prevista la concessione di contributi straordinari all'Arer per spese di investimento "al fine di finanziare la riqualificazione di una importante parte del patrimonio Erp particolarmente datato e che necessita di adeguamenti strutturali e di efficientamento energetico". "Il progetto di riqualificazione del Quartiere Cogne - ha spiegato Albert Chatrian (Av-VdaU) - è un buon esempio e prevede interventi sia sugli spazi pubblici, con l'obiettivo di creare una nuova centralità urbana attraverso la realizzazione di nuovi servizi, attività commerciali, zone ciclo-pedonali e aree verdi, sia sugli edifici, intervenendo sul miglioramento delle prestazioni energetiche, il recupero degli spazi abitativi non utilizzati, il completamento degli allacci alla rete di teleriscaldamento, l'adeguamento delle componenti tecnologiche obsolete, la riqualificazione delle aree cortilizie e la razionalizzazione della gestione dei rifiuti e delle acque meteoriche. Tutti gli interventi citati contribuiranno a rivitalizzare il Quartiere Cogne". Il programma di riqualificazione prevede interventi per un importo di circa 44 milioni di euro.
    Per Luca Distort (Lega VdA) "non ci sono le condizioni per votare a favore di questo disegno di legge, perché ci sono forti perplessità sulla sua capacità di svolgere la missione di indirizzare e di gestire in modo adeguato le problematiche in atto e future, negli interessi degli abitanti insediati: è un'opportunità persa per un intervento di alto livello urbano".
    Secondo Mauro Baccega (FI) "il progetto non assicura la riqualificazione del Quartiere Cogne ma sarà fatto di tacconi che renderanno ancora più difficile l'abitare in quel quartiere: troppe dimenticanze e una programmazione discutibile".
    Renzo Testolin (Uv) ha osservato che "ci saranno dei miglioramenti all'interno del Quartiere Cogne che consentiranno una vivibilità diversa per quanto riguarda gli spazi pubblici, l'area mercatale, i posti auto per favorire un'accoglienza di un quartiere che apre una porta verso il centro storico, con un ambito vivibile, decoroso, apprezzato dalla popolazione e foriero di attività lavorative". Chiara Minelli (Pcp) ha valutato positivamente il disegno di legge "perché gli interventi previsti sono utili e importanti e vanno a incidere sul Quartiere Cogne, che è al centro di un progetto più complessivo di valorizzazione e di miglioramento della vivibilità: un progetto di sviluppo che è anche di ordine sociale deve comunque passare attraverso una riqualificazione di edilizia popolare". Paolo Cretier (Fp-Pd) ha giudicato il recupero del patrimonio esistente "importante ed essenziale, anche per limitare il consumo di suolo: la norma è quindi motivata e pienamente sostenibile".
    Infine l'assessore alle politiche sociali, Roberto Barmasse, ha parlato di "disegno di legge di notevole importanza, che prevede uno dei più grandi interventi di edilizia residenziale pubblica: si tratta di un progetto che ha avuto un'origine politica, con indirizzi ben precisi sulla riqualificazione e l'efficientamento energetico, poi sarà Arer a svilupparlo ma il compito della politica non finisce qui perché dovremo controllare affinché il progetto si realizzi al meglio".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie