Moti 1971: Molinari, risolvere problemi con il buonsenso

(ANSA) - L'AQUILA, 14 APR - "Molti rifiutano il fatto ancora che ci si debba spostare da Pescara all'Aquila per la logistica degli uffici: L'Aquila avendo meno parlamentari non ha potuto far valere fino in fondo i propri diritti e non è giusto che si decidano le cose solo con la forza politica. A L'Aquila la storia e la tradizione ha consegnato il ruolo di capoluogo. Ed i problemi bisogna risolverli con il buonsenso e il dialogo. Ma soprattutto con il richiamo allo sviluppo di entrambi i territori, non deve mai prendere il sopravvento la legge del più forte, della giungla".
    A 50 anni dai moti dell'Aquila, l'arcivescovo metropolita, Giuseppe Molinari, 82 anni, aquilano doc a capo della Curia aquilana dal '98 al 2013, fa un bilancio delle ripercussioni in Abruzzo dei moti dell'Aquila per la contesa con Pescara con il capoluogo e con le sedi degli assessorati della Regione che all'epoca della sommossa popolare sei era appena insediata.
    "Se sono serviti? Non so dire, è stato evitato lo scippo totale, c'è stata una reazione popolare molto forte che va al di là della rivendicazione della Destra, anche il democristiano Fabiani si è ritrovato solo contro i politici e gli amministratori della costa, ha fatto quello che poteva fare" - spiega ancora il prelato ricordando episodi che confermano il suo pensiero. "Circa due anni dopo i moti del '71, frequentando a Roma l'università del Laterano e l'accademia Alfonsiana, incontrai un cardinale brasiliano che era stato nella nostra città, che mi chiese di come andasse all'Aquila. Poi sui fatti accaduti commentò: sette sedi di assessorato a Pescara, tre all'Aquila con il capoluogo all'Aquila, 'tutto fumo e niente arrosto'". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie