A 85% italiani la transizione ecologica piace e conviene

Ricerca della Fondazione sviluppo sostenibile di Edo Ronchi

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 19 OTT - La transizione ecologica sta a cuore agli italiani: sanno cosa sia, che rischi comporterebbe non attuarla, quali opportunità da essa derivano. L'85% dei cittadini ritiene infatti che, se il processo si arenasse, significherebbe versare "lacrime e sangue" per i costi elevati che si dovranno pagare per i danni rilevanti che già si vedono e che aumenteranno notevolmente nel corso degli anni. E ancora, per circa 8 italiani su 10 (79%) basterebbe solo ritardare l'attuazione della transizione ecologica, per dover fronteggiare l'aggravamento della crisi climatica, con eventi atmosferici estremi sempre più frequenti, risorse naturali sempre più scarse e un Pianeta sempre meno vivibile.

Questo lo scenario disegnato dall' indagine Ipsos "Percezione, costi e benefici della transazione ecologica" che indaga sul livello di consapevolezza degli italiani nei confronti della transizione ecologica pilastro del PNRR (Piano nazionale di ripresa la resilienza), e della green economy, realizzata per conto della Fondazione per lo sviluppo sostenibile e Italian Exhibition Group-Ecomondo, in vista della decima edizione degli Stati Generali della Green economy, che si svolgono il 26 e 27 ottobre prossimo a Rimini nell' ambito di Ecomondo Key Energy.

"Con la pandemia, l'avvio della ripresa e il lancio del Green Deal europeo si registra un salto di qualità nella consapevolezza ecologica degli italiani - ha dichiarato il Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, Edo Ronchi -. Mentre a livello politico sono state numerose le cautele dichiarate sulla transizione ecologica , 'troppo costosa', 'non prioritaria perché vi sono anche tante altre questioni', questa indagine non lascia dubbi :la transizione ecologica è necessaria e conveniente e gode di un ampio sostegno dell'opinione degli italiani". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA