Falcone: inaugurata mostra Ansa in istituto Pomilio Chieti

Prefetto Forgione, aiuta a capire e amare le istituzioni

Redazione ANSA CHIETI

(ANSA) - CHIETI, 25 MAG - I pannelli della mostra ANSA li hanno scoperti gli studenti, emozionati, qualcuno con la salivazione azzerata di fronte al microfono per raccontare di fronte ad ogni singolo pannello la vita di Falcone e Borsellino, ma di grande e intensa partecipazione collettiva. E' stata una mattinata non comune per i ragazzi dell'Istituto Pomilio di Chieti Scalo: all'ultimo appuntamento scolastico per la Mostra itinerante realizzata sulla vita dei due magistrati ha partecipato anche il Prefetto Armando Forgione, oltre alla preside Anna Giusti, mentre il Commissario della questura teatina Lorena Di Renzo si è voluta soffermare su Emanuela Loi, l'agente della scorta di Borsellino morta nell'attentato di via D'Amelio. "Era una donna entusiasta dei valori che rappresentava, credeva nello Stato, quello Stato che siamo tutti noi che operiamo sui territori: Emanuela è ancora qui in mezzo a noi", ha detto la Di Renzo, forse rispondendo indirettamente ad una domanda posta dagli studenti "Cosa possiamo fare noi per mantenere viva l'eredità di Falcone e Borsellino".
    Ha in parte risposto anche il Prefetto di Chieti, quando ha affermato che "le istituzioni per essere amate devono prima essere capite, e questa mostra aiuta davvero a capire le istituzioni".
    La mostra, già creata per i 20 anni dai fatti di Palermo del 1993, resterà ancora nell'aula magna del grande comprensorio scolastico teatino. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA