Prodrive P25, una Subaru Impreza B22 nei giorni nostri

Restomod debutterà al Goodwood Festival of Speed

Redazione ANSA MILANO

Una Subaru Impreza B22 degli anni Novanta ma portata ai giorni nostri. L'impresa è quella che si sono prefissati tecnici e progettisti della britannica Prodrive, che al prossimo Goodwood Festival of Speed presenteranno la nuova P25. Se i dettagli del modello saranno svelati proprio in occasione dell'evento, Prodrive ha però rilasciato le prime immagini della nuova arrivata, della quale ne saranno prodotti 25 esemplari, contro i 424 della Impreza B22 del 1998.
    Sulla B22 della casa delle Pleiadi si basa l'intero progetto da un punto di vista stilistico, anche se la scocca utilizzata per il restomod firmato Prodrive è quella di una WRX a due porte. Per rendere il design e le forme della B22 saranno utilizzati pannelli in carbonio progettati anche con la consulenza di Peter Stevens, ovvero colui che a suo tempo si occupò di supervisionare anche il progetto della B22.
    Tra le prime 'missioni' dei progettisti della casa con sede nel Regno Unito, quello di abbattere il peso rispetto al modello originale. Così, grazie all'uso esteso del carbonio utilizzato dal cofano all'alettone, passando per le calotte degli specchietti, i paraurti e altri elementi, è stato possibile diminuire il peso reale, limitandolo a 'soli' a 1.200 chili. A contribuire alla 'missione' ci hanno pensato anche l'utilizzo di altri elementi derivati dal mondo racing, come i sedili leggeri di foggia sportiva (optional), la batteria agli ioni di litio e i pannelli porta, anch'essi in carbonio.
    Sotto al cofano, il restomod P25 prevede un motore più potente rispetto alla sua antenata. Il motore è infatti una versione da 400 Cv e 600 Nm, con cambio semiautomatico a sei marce con controller al volante. Il prezzo di un esemplare di P25 è di 460.000 sterline.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie