Urquiola, sogno leggerezza viaggi senza valigia

Designer alla Bit, vissuta esperienza nuova, stare ferma

Redazione ANSA MILANO

MILANO- "Questo anno di pandemia per me ha voluto dire vivere un'esperienza nuova, stare ferma, e credo che ora dovrà proprio cambiare la storia mentale rispetto al viaggiare: io penso ai mitici anni dei viaggi senza valigia".
    Patricia Urquiola, una delle più note designer del mondo, ha raccontato in uno dei talk della Bit Digital Edition (9-14 maggio) come è trascorsa la sua vita dall'inizio dell'emergenza sanitaria che ha fermato tutto.
    "Ho cercato di vedere i lati positivi, riscoprire anche un modo nuovo di stare in famiglia - ha detto -. Eravamo ormai all'eccesso nel modo di viaggiare, di spostarsi, e ho scoperto una esperienza nuova per me: dover stare ferma". Secondo la designer spagnola il periodo post pandemia rappresenta una sfida anche per il mondo dell'architettura e del designer e prevarrà la necessità di riprogettare la quotidianità degli ambienti sia domestici che lavorativi e anche degli stessi oggetti, il materiale da usare e porsi sempre il problema della loro riutilizzazione. Per quanto riguarda il tornare a viaggiare, Patricia Urquiola, ha detto che vorrebbe provare quel genere di vacanza di cui sentiva parlare da ragazza 'i mitici viaggia senza valigia'. "Una modalità che non significa solo partire senza portarsi dietro nulla - ha spiegato - ma vuol dire affrontare il viaggio con leggerezza, con tutto il tempo che serve".    

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie