Mostre: Salvator Dalì, 100 xilografie sulla Divina Commedia

Dal 12 giugno alle Pescherie della Rocca di Lugo, nel ravennate

Redazione ANSA RAVENNA

(ANSA) - RAVENNA, 09 GIU - Salvador Dalì e Dante: a loro è dedicata la nuova mostra alle Pescherie della Rocca di Lugo (Ravenna), che inaugurerà sabato 12 giugno. L'esposizione, 'Salvador Dalì. La Divina Commedia - 100 xilografie', riunisce fino all'1 agosto un centinaio di opere che furono realizzate dal pittore in occasione dei 700 anni dalla nascita del Sommo Poeta. A Dalì fu infatti affidato dall'Istituto Poligrafico dello Stato l'incarico di illustrare la più nota opera dantesca, in vista di questa ricorrenza. Fonti d'inesauribile ispirazione e di ambizione per illustratori e artisti di ogni epoca, le allegorie e i simboli contenuti nella Divina Commedia rappresentarono per il pittore catalano un'opportunità per misurarsi con un altro gigante, vissuto certamente in un passato lontano, ma cui era accomunato da una formidabile immaginazione e dalla capacità di creare vere e proprie visioni.
    Le prime 40 tavole, ad acquarello e penna, vennero presentate nel 1954 in una grande mostra antologica a Palazzo Pallavicini Rospigliosi, sul colle del Quirinale. A seguito di diverse critiche e di un'interrogazione parlamentare di alcuni deputati, contrari al fatto che fosse stato scelto un artista spagnolo e non italiano per onorare il più grande scrittore del nostro Paese, il governo rescisse il contratto. Dalì decise di proseguire autonomamente con l'opera, terminando le cento tavole nel 1959, e le pubblicò in Francia, esponendole con un notevole successo al Musée Galliera. Fu deciso poi di trasporle in xilografie, commissionando il compito a Raymond Jacquet e a Jean Ricco, che impiegarono diversi anni nel lavoro di incisione di ben 3.500 legni necessari per l'imprimitura progressiva dei 35 colori di ogni singola lastra. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie