Al via le candidature per i premi 'DesignEuropa 2020'

Italia seconda per disegni registrati presso Euipo

Redazione ANSA

BRUXELLES - Al via le candidature per l'edizione 2020 dei premi DesignEuropa. Lo ha annunciato l'Ufficio dell'Unione Europea per la proprietà intellettuale (Euipo) in una nota. Per candidarsi i titolari di disegni e modelli registrati presso Euipo(DMC) avranno tempo fino al 20 aprile 2020. Obiettivo è premiare l'eccellenza nel settore. Nel 2018 l'Italia ha occupato il secondo posto tra i paesi più grandi per numero di registrazione di disegni e modelli comunitari presso l'Euipo.

"In Italia il design contribuisce fortemente all'economia ed è sempre molto presente tra i premi" ha detto all'Ansa Andrea Di Carlo vicedirettore di Euipo. Le industrie italiane che fanno un uso intensivo di disegni e modelli generano 3,79 milioni di posti di lavoro e contribuiscono con 279 miliardi di euro (il 16,9%) al Pil nazionale.

I premi DesignEuropa sono importanti anche per la tutela della proprietà intellettuale. "Il rischio che il design venga copiato è sempre più elevato ed è importante far conoscere che esiste un metodo di protezione" ha spiegato Di Carlo. I riconoscimenti saranno suddivisi in categorie: quattro per le imprese con più di 50 dipendenti e oltre 10 milioni di euro di fatturato; quattro per le piccole imprese e aziende fondate dopo il primo gennaio 2016. Infine, un premio alla carriera per i singoli designer. La cerimonia di premiazione si terrà il 20 ottobre 2020.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie