Pmi europee, registrazione dei marchi aumenta l'innovazione

L'indagine di Euipo, ne migliora la reputazione e il fatturato

Redazione ANSA

BRUXELLES - La registrazione di marchi, brevetti, disegni e modelli contribuisce a migliorare la reputazione, a aumentare il fatturato e il livello di innovazione delle imprese. A pensarla così è oltre la metà delle Pmi europee (54%) titolari di diritti di proprietà intellettuale, lo riporta l'Ufficio Europeo per la proprietà intellettuale (Euipo) nella seconda edizione del quadro di valutazione delle piccole medie imprese negli Stati membri in diversi settori economici.

Dall'indagine emerge che il 59% delle Pmi ritiene che registrare i diritti di proprietà intellettuale possa impedire di essere copiati da parte dei concorrenti e per il 36% migliora l'immagine e il valore dell'impresa. Tuttavia quasi quattro imprese su dieci affermano però che la scarsa conoscenza di tali diritti ha impedito loro di ottenere la necessaria protezione.

"La nostra indagine mostra che il 61% delle Pmi prenderebbe in considerazione la protezione della proprietà intellettuale se avesse migliori conoscenze in merito e il nostro compito, attraverso il prossimo piano strategico, è di fornire loro gli strumenti e i servizi necessari a tale scopo", ha dichiarato Christian Archambeau direttore esecutivo di Euipo. L'accesso ai finanziamenti resta una delle criticità per le Pmi e solo il 13% di esse ha cercato di ottenerli ricorrendo ai propri diritti di proprietà intellettuale.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie