Ue, intensificare la lotta a contraffazione e pirateria

Ufficio per la proprietà intellettuale (Euipo) compie 25 anni

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Dobbiamo intensificare la lotta alla contraffazione e alla pirateria e continuare a rafforzare il nostro quadro sulla proprietà intellettuale per garantire che sia coerente e adeguato all'era digitale. L'Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale (Euipo) svolge un ruolo chiave". Così la Commissaria Ue per Mercato Interno e Industria, Elżbieta Bieńkowska in occasione dell'anniversario dei 25 anni dell'Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale.

Dal primo aprile 1996, Euipo, con sede ad Alicante, in Spagna, gestisce il sistema di registrazione dei marchi e del design dell'Unione Europea. Da allora, l'Ufficio ha ricevuto oltre due milioni di domande di registrazione per i marchi. Dal 2003 consente anche l'iscrizione di progetti garantendo la protezione della proprietà intellettuale in tutta l'Ue, ed ha ricevuto oltre un milione di domande. La proprietà intellettuale contribuisce, secondo uno studio di Euipo, al 40% del Pil dell'Ue. "La protezione della proprietà intellettuale è al centro di un'economia europea competitiva, stimolando l'innovazione e la creatività e creando posti di lavoro e crescita" ha concluso la Commissaria.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie