Copyright: Ue segue con attenzione scontro Francia-Google

Vestager, rischio 'biopotere dei giganti del web'

Redazione ANSA

BRUXELLES - La Commissione Europea è in contatto con le autorità francesi per la concorrenza per "stabilire se sia necessaria una indagine ulteriore sulla posizione di Google rispetto alla direttiva Ue sul copyright". Lo ha detto la commissaria Ue per la concorrenza Margrethe Vestager durante una intervista al sito Euractiv.Secondo la commissaria "può verificarsi un problema di biopotere se un gigante" del web "impone i propri termini e le proprie condizioni non in linea con ciò che è stato previsto dalla nuova legislazione sul copyright".

Citando il biopotere (termine coniato dal filosofo Michel Foucault), Vestager intende riferirsi al modo in cui grandi aziende tecnologiche possono raggiungere obiettivi economici più ampi controllando la popolazione. Nonostante la commissaria abbia sottolineato che resta compito delle autorità per il diritto d'autore trattare la questione, ha anche ricordato che "l'obiettivo principale delle modifiche alle norme Ue su questa materia "è garantire che gli autori di contenuti online siano remunerati", questo anche per salvaguardare la qualità del giornalismo, musica e settori creativi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie