Si inasprisce in Francia la battaglia tra stampa e Google

Montain View respinge accuse e va avanti per la sua strada

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - La stampa francese ha denunciato Google presso l'Autorità per la Concorrenza per abuso di potere dominante e chiede misure cautelari per applicare la normativa sul diritto d'autore. Tra i firmatari l'Agence France Presse, l'Alleanza della stampa di informazione generale e il Sindacato degli editori delle riviste. Montain View, sostengono le organizzazioni, non rispetta i "diritti connessi" ossia l'insieme dei diritti degli autori, come previsto dalla normativa Ue sul copyright per la condivisione con gli editori dei ricavi ottenuti dalla diffusione di contenuti in rete.

Google ha però rifiutato qualsiasi negoziazione. In Francia, primo Paese ad applicare la direttiva Ue, la piattaforma ha dichiarato di non volersi conforme alla normativa e ha imposto delle nuove regole: i siti di informazione devono accettare l'utilizzo gratuito da parte dei motori di ricerca di estratti dei loro articoli, altrimenti perderanno visibilità. Google ha quindi respinto le accuse mossegli dalla stampa francese sostenendo di aiutare "gli utenti internet a trovare dei contenuti di informazione tra le numerose fonti" e che "i risultati sono sempre basati sulla pertinenza e non su accordi commerciali".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie