Pirateria: Euipo, Iptv guadagnano 1mld di euro in Europa

13,7 mln di cittadini Ue usano lo streaming illegale

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - Almeno 13,7 milioni di cittadini nell'Ue fruiscono di contenuti televisivi Iptv non autorizzati e i fornitori illegali guadagnano quasi un miliardo di euro all'anno. Lo rivela una relazione dell'Ufficio Ue per la proprietà intellettuale (Euipo). Il singolo consumatore medio nell'Ue spende 5,74 euro al mese per usufruire illegalmente di canali di streaming in diretta tramite il sistema Iptv.

Il guadagno illegale è generato dai pagamenti una tantum da parte degli utenti, l'acquisto di ricevitori illegali e il pagamento di abbonamenti a lungo termine offerti da rivenditori non autorizzati. A spendere di più sono inglesi, francesi e tedeschi che da soli spendono in media 532,4 milioni di euro, pari al 57% delle entrate totali dei fornitori illegali di abbonamenti. Gli utenti finlandesi, francesi e olandesi sono disposti a pagare fino a 6 euro al mese un abbonamento illegale, a voler spendere meno sono invece, i cittadini della Slovacchia, dell'Ungheria e della Polonia, che non concedono più di 2,5 euro al mese.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie