Coronavirus: una mappa per monitorare gli aiuti ai musicisti

Impala, i Paesi devono fare di più per settore musicale

Redazione ANSA

BRUXELLES - Una mappa per monitorare gli aiuti al settore musicale dall'Ue e dai governi nazionali in risposta all'emergenza del coronavirus. E' la nuova iniziativa di Impala, l'organizzazione che rappresenta le aziende europee di musica indipendente, per tutelare i musicisti. Dai primi dati raccolti risulta che "molti Paesi devono fare di più, in particolare per quanto riguarda le azioni specifiche per la musica e la cultura" sottolinea Helen Smith, direttrice esecutiva di Impala.

Oltre alle misure Ue e nazionali, la mappatura si concentra sulle azioni intraprese dalle società di gestione collettiva, dai servizi digitali e dai media nazionali. Le informazioni raccolte sono costituite principalmente dalle risposte dei membri Impala a un sondaggio per tenere traccia degli sviluppi, saranno valutate le perdite del settore e le misure di recupero post crisi per favorire la crescita.

"L'obiettivo della nostra mappatura è promuovere le migliori pratiche e il coordinamento in Europa. Vogliamo vedere artisti e liberi professionisti preservare il loro sostentamento, e che le società musicali indipendenti rimangano attive e continuino a investire" commenta in una nota Francesca Trainini, presidente di Impala e in particolare della task force sul Covid-19. La mappatura sarà in continuo aggiornamento sul sito di Impala(https://www.impalamusic-covid19.info)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie