Coronavirus: Pe sollecita fondi Ue per media e culturale

Europarlamentari scrivono ai commissari Gabriel e Breton

Redazione ANSA

BRUXELLES - Destinare fondi Ue per un piano d'emergenza a sostegno dei media e del settore culturale per rispondere alla crisi pandemica: è quanto hanno chiesto gli europarlamentari della commissione cultura del Parlamento Ue in una lettera indirizzata ai commissari alla Cultura Mariya Gabriel e al Mercato interno Thierry Breton.

Nella lettera i parlamentari in particolare si appellano alla Commissione per la creazione di un fondo di emergenza per sostenere i media e il settore della stampa - un settore che deve fare i conti con ricavi pubblicitari in calo dell'80% in alcuni stati membri - attingendo a fondi che non possono essere spesi nell'ambito di altri programmi a causa della pandemia del coronavirus.

Inoltre gli eurodeputati, a tutela delle Pmi culturali e delle organizzazioni benefiche, invitano la commissione a considerare un aumento dello strumento di garanzia per i settori culturali e creativi(programma Europa creativa) integrandolo dal bilancio 2021 o trasferendo finanziamenti dal Fondo europeo per gli investimenti strategici. Infine, secondo gli europarlamentari, sarebbe necessario creare uno strumento finanziario ad hoc all'interno del Fondo Ue per gli investimenti per i finanziamenti al settore. 

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie