A Napoli sequestrati 2.000 capi griffati dalla Gdf

Sei persone denunciate:rete vendita on line, clienti truffati

Redazione ANSA NAPOLI

NAPOLI - Il Coronavirus non ferma il mercato del falso: il Comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha sequestrato in un magazzino del quartiere napoletano di San Giovanni a Teduccio oltre 2.000 capi di abbigliamento contraffatti del valore di circa 200 mila euro denunciando 6 responsabili per commercio di prodotti con marchi falsi di note griffe di moda.
    L'operazione ha preso le mosse da un controllo su strada nel corso del quale i "Baschi Verdi" hanno notato un'autovettura che trasportava e scaricava numerose buste di plastica in un noto centro commerciale.
    La successiva perquisizione del veicolo e del deposito ha poi permesso di risalire a sei soggetti, tutti napoletani, che avevano organizzato una vera e propria rete di vendita del falso pubblicizzando i prodotti tramite le pagine dei social network Facebook e Instagram. Gli ordini, costantemente monitorati e raccolti tramite un "ufficio vendite" dotato di postazioni informatiche complete e collegate in rete, venivano poi recapitati ai clienti sparsi su tutto il territorio nazionale, per lo più vittime inconsapevoli del sistema di vendita fraudolento, in considerazione delle modalità e dei prezzi di vendita praticati.
    I capi di vestiario, con brand contraffatti di marchi tra i quali "Kway", "Valentino", "Burberry", "Ralph lauren", "Moncler", "Givenchy", erano stoccati e confezionati in un deposito nel quartiere San Giovanni a Teduccio allestito all'interno del centro commerciale di vendita all'ingrosso, in cui le Fiamme Gialle hanno scoperto anche migliaia di buste di due noti corrieri espressi internazionali già pronte per essere spedite.
    L'operazione del Comando provinciale di Napoli, ribattezzata #Iocomprodacasa - si sottolinea dalla Guardia di Finanza - conferma che l'emergenza nazionale causata dal Covid-19 non ferma la piaga della contraffazione, che ora più che mai avviene approfittando dell'attuale momento di crescita dell'e-commerce e del blocco del sistema di vendita tradizionale.  (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie