I ricambi d'auto erano falsi, scoperta fabbrica abusiva nel Torinese

Operazione della Guardia di finanza, due denunce

Redazione ANSA TORINO

TORINO - Quindicimila pezzi di ricambio per auto sono stati sequestrati nel Torinese dalla guardia di finanza, che ha denunciato due persone. Riportavano il marchio di una nota casa automobilistica, ma erano contraffatti.    Numerosi i reati contestati, tra cui la violazione delle disposizioni per il contenimento del coronavirus: la fabbrica del falso era infatti pienamente operativa mentre le aziende in regola erano ferme.    Il materiale era stoccato in un capannone di San Gillio. Ben 1.500 metri quadrati, apparentemente abbandonati, a cui si poteva accedere solamente da un ingresso sul retro, difficilmente visibile. All'interno venivano prodotti migliaia di pezzi di ricambio, tra cui numerosi articoli dedicati alle auto d'epoca. Gli ordini ricevuti erano centinaia al giorno e provenivano da tutta Italia.    Nel corso dell'intervento sono state anche riscontrate gravi anomalie per quanto riguarda lo smaltimento dei rifiuti. Scoperta nello stabile anche una officina per le riparazioni delle auto, ovviamente abusiva, così cosi come 'in nero' era impiegato il personale trovato al lavoro. (ANSA).

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie