Coronavirus: a Napoli mascherine per bimbi contraffatte

Gdf sequestra 900 dispositivi, sprovviste di certificazione

Redazione ANSA NAPOLI

NAPOLI - Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha sequestrato nella zona industriale della città circa 900 mascherine per bambini non a norma e con loghi contraffatti.
    L'operazione è scattata dopo un controllo anticovid-19 agli esercizi commerciali nel corso del quale le Fiamme Gialle del 2° Nucleo Operativo Metropolitano hanno notato che in un negozio di "Cinamercato" venivano messi in vendita dispositivi di protezione individuali 'sospetti'. Grazie ai successivi riscontri, anche di natura documentale, è stato appurato che le mascherine, oltre a riportare loghi contraffatti di famosi personaggi dei videogiochi e serie televisive (quali "Fortnite", "Bing" e "Me contro Te"), non erano a norma dal punto di vista sanitario.
    In particolare, i dispositivi, venduti a 5 euro ciascuno, erano sprovvisti della certificazione obbligatoria di conformità e non avrebbero garantito alcuna sicurezza ai bambini contro il rischio contagio. Le mascherine sono state sequestrate e il titolare del negozio, un 46enne di origine cinese, è stato denunciato all'Autorità Giudiziaria per frode in commercio, contraffazione marchi e ricettazione.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie