Gdf sequestra nel Casertano oltre 70 mila mascherine

Contraffatte o non certificate, controlli in decine di negozi

Redazione ANSA CASERTA

CASERTA - Oltre 70mila mascherine non certificate, recanti marchi comunitari contraffatti o non validate dall'Inail, sono state sequestrate e tolte dal mercato dalla Guardia di Finanza nel corso di un'operazione che ha riguardato tutto il Casertano. Sono stati controllati da decine di militari dei vari Reparti territoriali, negozi come parafarmacie, ferramenta, casalinghi, tabaccai, e in molti casi sono state riscontrate irregolarità nella vendita dei dispositivi di protezione. Cinque commercianti sono stati denunciati per frode in commercio e contraffazione del marchio "Ce". Ad Aversa, i finanzieri della locali Compagnia, su segnalazione di un Reparto siciliano delle Fiamme Gialle, hanno ispezionato il deposito di un'attività all'ingrosso di materiale informatico ed audio video sequestrando circa 46.000 mascherine importate direttamente dalla Cina, e vendute come dispositivi di protezione individuale o dispositivi medici, ma senza alcuna certificazione Inail o autorizzazione dell'Istituto Superiore di Sanità. A Pastorano, i militari mella Compagnia di Capua hanno invece sequestrato 19mila mascherine FFP2, certificate da un ente cinese non autorizzato, all'interno di un'attività all'ingrosso di ricambi per veicoli industriali. Oltre 200 mascherine recanti il marchio "Ce" contraffatto sono state poi sequestrate in una parafarmacia di Teano dai finanzieri della Tenenza di Sessa Aurunca, altre 250 in un bar tabacchi di Casagiove; qui il blitz è stato realizzato dai militari della Compagnia di Caserta, che sono risaliti al grossista che aveva venduto i dispositivi, la cui attività è a San Nicola la Strada, andando a sequestrare altre 3600 mascherine illegali. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie