Uno su 10 piccoli e medi editori rischia la chiusura

Aie, nel 2020 -32% titoli in uscita, cali fatturato fino a -70%

Redazione ANSA

ROMA - L'emergenza sanitaria rischia di decimare la piccola e media editoria italiana: quasi un editore su dieci (9%) sta valutando la chiusura già nel 2020. Un altro 21% la considera probabile. È quanto emerge dalla quarta rilevazione dell'Osservatorio sull'impatto Covid-19 dell'Associazione Italiana Editori (Aie), con dati raccolti dal 19 al 23 aprile, tutta dedicata all'editoria medio-piccola. A fine 2020 si stima una riduzione del 32% dei titoli pubblicati dai piccoli e medi editori. Significa 21.000 opere in meno, il 54% di tutte quelle che andranno perdute nel 2020.

Molto pesante il calo del fatturato: il 72% dei piccoli e medi editori stima una perdita a marzo superiore al 30%, il 56% superiore al 50%, il 29% superiore al 70%. "Questa emergenza avrà impatti rilevanti non solo sull'occupazione, essendo le piccole medie case editrici una parte rilevante del mondo del libro, ma anche sul pluralismo nel nostro Paese", sottolinea Ricardo Franco Levi, presidente di Aie.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie