Coldiretti, a tavola frodi e contraffazioni fanno paura al 63%

A livello mondiale le frodi sul cibo italiano valgono oltre 100 miliardi

Redazione ANSA ROMA

Quasi due italiani su tre (65%) hanno paura delle frodi e contraffazioni a tavola perché al danno economico si aggiungono i rischi per la salute. E' quanto emerge da un'indagine Coldiretti/Ixe' in riferimento alle stime Euipo sulle perdite generate dalla contraffazione nelle entrate dei bilanci dei governi Ue, colpendo dai vini agli alcolici ai farmaci.
    A livello mondiale, la Coldiretti precisa che le frodi sul cibo italiano valgono oltre 100 miliardi in aumento del 70% nel corso dell'ultimo decennio. La pirateria internazionale, infatti, utilizza impropriamente parole, colori, località, immagini e ricette per prodotti che richiamano l'Italia, con cui però non hanno nulla a che fare. Non è un caso che la malavita consideri agricoltura e alimentare aree strategiche di investimento in tempo di crisi, perché del cibo nessuno può farne a meno ma soprattutto perché consente di infiltrarsi in modo capillare nella società civile. Per combattere questo fenomeno, secondo la Coldiretti, occorre una revisione delle leggi sui reati alimentari concretizzando la proposta a costo zero elaborata da Giancarlo Caselli nell'ambito dell'Osservatorio agromafie. Si tratta di introdurre nuovi sistemi di indagine e un aggiornamento delle norme penali adeguate a combattere le frodi agroalimentari diventate più pericolose con l'innovazione tecnologica e i nuovi sistemi di produzione e distribuzione globali.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie