Di Stefano, tutela proprietà intellettuale nel Patto per l'Export

Intervento al forum Istituto Centromarca lotta a contraffazione

Redazione ANSA ROMA

Il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano è intervenuto oggi all'e-forum Indicam, Istituto di Centromarca per la lotta alla contraffazione, presentando il ruolo del Made in Italy per il rilancio del Sistema Paese. "Nel Patto per l'Export - ha esordito il sottosegretario - c'è molto di ciò che associazioni come la vostra hanno chiesto allo Stato, cioè un impegno concreto per la protezione della proprietà intellettuale. Innanzitutto, per rafforzare le competenze tecniche, stiamo valutando l'inserimento di specifiche figure professionali nelle due principali sedi di regolamentazione della proprietà intellettuale, cioè Ginevra (sede dell'Organizzazione mondiale per la Proprietà Intellettuale -Wipo - e dell'Organizzazione Mondiale del Commercio -Wto) e Bruxelles (con la Commissione Europea)".
    "Siamo fortemente convinti - ha aggiunto il sottosegretario - che la Campagna straordinaria di comunicazione per il Made in Italy sia la risposta più immediata alla tutela della proprietà intellettuale, proprio perché punta a sviluppare nel consumatore quella consapevolezza del prodotto italiano che è lo strumento più diretto per la lotta alla contraffazione". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie