Nel 2019 la Gdf di Roma ha sequestrato 100 mln di prodotti contraffatti

Quasi 20mila ispezioni complessive, oltre 4mila indagini

Redazione ANSA ROMA

Nel corso dell'anno 2019 i Reparti del Comando Provinciale di Roma hanno eseguito 19.388 interventi ispettivi e 4.225 indagini delegate dalla magistratura ordinaria e contabile in tutti gli ambiti della propria missione istituzionale. Nell'ambito del contrasto alla contraffazione, i reparti operativi hanno effettuato 929 interventi e dato esecuzione a più di 527 deleghe dell'Autorità Giudiziaria, sottoponendo a sequestro oltre 100 milioni di prodotti industriali contraffatti, nonché con falsa indicazione del made in Italy e non sicuri.
    Riguardo alla lotta all'evasione, all'elusione e alla frodi fiscali, nel corso del 2019, si è concretizzata nell'esecuzione di 3.180 interventi ispettivi e di 629 indagini delegate dalla magistratura, che hanno permesso di riscontrare 538 reati fiscali (principalmente riferibili all'utilizzo di fatture false, all'occultamento delle scritture contabili e all'omessa dichiarazione) e di denunciare 982 soggetti, di cui 14 tratti in arresto. Il valore dei beni sequestrati nella passata annualità per reati in materia di imposte dirette e Iva è di 48.978.000 euro, mentre le proposte di sequestro al vaglio delle competenti Autorità Giudiziarie ammontano a oltre 1.809.200.000 euro.
    Sul contrasto degli illeciti nel settore della tutela della spesa pubblica, sono 889 gli interventi complessivamente svolti, nel 2019, a tutela dei principali flussi di spesa, dagli appalti agli incentivi alle imprese, dalla spesa sanitaria alle erogazioni a carico del sistema previdenziale, dai fondi europei alla responsabilità per danno erariale, cui si aggiungono 211 deleghe d'indagine concluse in collaborazione con la Magistratura ordinaria e 141 deleghe svolte con la Corte dei Conti.
    In materia di repressione del riciclaggio dei capitali illeciti sono state sviluppate 31 indagini di polizia giudiziaria, da cui è scaturita la denuncia all'Autorità Giudiziaria di 58 persone per i reati di riciclaggio e auto-riciclaggio, dei quali 11 sono stati tratti in arresto. Il valore del riciclaggio accertato si è attestato intorno ai 27,2 milioni di euro, mentre sono stati effettuati sequestri su ordine della magistratura per oltre 27 milioni di euro.
    Sono stati, poi, eseguiti ai confini terrestri e marittimi 837 controlli volti a verificare il rispetto delle norme sulla circolazione transfrontaliera di valuta da parte dei soggetti in entrata e/o in uscita dal territorio nazionale, con la scoperta di illecite movimentazioni per oltre 14,8 milioni di euro e accertamento di 834 violazioni. Nel corso del 2019 è stata sequestrata valuta per oltre 3,8 milioni di euro.
    Con particolare riguardo al campo dei reati fallimentari sono stati operati sequestri di beni per un valore pari a oltre 35,5 milioni di euro, su un totale di patrimoni risultati distratti di oltre 434 milioni di euro. Nel comparto operativo dedicato alla sicurezza della circolazione dell'euro sono stati infine denunciati 20 soggetti, uno dei quali in stato di arresto, con l'esecuzione di sequestri di valute, titoli, certificati e valori bollati contraffatti per un valore complessivo di circa 452.000 euro.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie