Coronavirus: Soundreef, sostenere industria musicale

L'Ad Davide D'Atri al Senato,'rimborsi agli autori'

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES - "Abbiamo accolto con piacere l'opportunità di presenziare al dibattito in commissione Istruzione per sostenere il settore dell'industria musicale. Auspichiamo che, in tempi brevi, si possa procedere con interventi continuativi, sostenibili e applicabili". Così in una nota il fondatore e amministratore delegato di Soundreef, Davide d'Atri, a seguito dell'audizione nei giorni scorsi al Senato presso la commissione Istruzione sull'impatto dell'emergenza del covid-19 nel settore della cultura.

Nel corso dell'audizione, si legge nella nota, Davide d'Atri ha presentato tre proposte per assicurare un supporto duraturo e sostenibile al settore: possibilità di un rimborso mensile ad autori, editori ed organizzatori, per tutta la durata del periodo di interruzione dei concerti, aiuti concreti a progetti esistenti per incentivare una vera ripartenza del comparto, investimenti nelle aziende virtuose che cercano di sostenere l'occupazione. Soundreef in questi mesi ha intrapreso una serie di iniziative a sostegno dei propri iscritti. "Abbiamo investito nelle persone e abbiamo sostenuto gli autori liquidando il 50% dei proventi maturati nel 2019. Abbiamo inoltre, riprogrammato i nostri investimenti, concentrandoci maggiormente su tecnologia, trasparenza e tempi di ripartizione", ha spiegato D'Atri.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie