Copyright, Farnesina rafforza 'antenne' Bruxelles e Ginevra

Di Stefano, 'nuove figure dedicate alla proprietà intellettuale'

Redazione ANSA BRUXELLES

BRUXELLES "Inseriremo nuove figure professionali nelle nostre rappresentanze all'estero che più si occupano di regolamentazione e tutela della proprietà intellettuale a livello internazionale e multilaterale, cioè a Ginevra e a Bruxelles, sedi rispettivamente dell'Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale e dell'Organizzazione mondiale del commercio, e delle Istituzioni europee".

Così il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano intervenendo durante un webinar su 'La gestione della proprietà intellettuale nei processi di internazionalizzazione', all'interno del ciclo di incontri virtuali 'Formazione in diretta' organizzato dall'Agenzia Ice per le aziende italiane. "La Farnesina - ha dichiarato il sottosegretario - tramite la sua rete diplomatico-consolare e gli Uffici Ice, agisce a tutela delle imprese italiane anche nel complesso campo della protezione della proprietà intellettuale, da ultimo tramite gli strumenti messi a disposizione dal Patto per l'Export, firmato dal ministro Di Maio lo scorso 8 giugno". Di Stefano ha sottolineato che le imprese che fanno un uso intensivo di diritti di proprietà intellettuale generano quasi la metà del Pil italiano e garantiscono quasi un terzo dei posti di lavoro.

"Per un Paese a così forte vocazione all'esportazione, come l'Italia, è molto importante che le imprese riducano il rischio di perdere quote di mercato estero a causa di contraffazione, Italian sounding e furto di proprietà intellettuale, nella forma di marchi, diritti d'autore, disegni e modelli industriali, brevetti o indicazioni geografiche" ha aggiunto il sottosegretario.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie