Contraffazione: in Versilia sequestrati oltre 500 prodotti

Sei persone denunciate, multata acquirente

Redazione ANSA

VIAREGGIO (LUCCA)- Oltre 500 prodotti contraffatti e sei persone denunciate a piede libero. E' il bilancio dei controlli effettuati negli ultimi giorni dalla Guardia di finanza di Viareggio (Lucca) che, in aderenza alle direttive emanate dall' autorità prefettizia, ha intensificato i controlli sul territorio, in particolare nell'ambito del contrasto alla contraffazione dei marchi e della tutela del made in Italy.

I finanzieri hanno eseguito numerosi interventi nei pressi degli stabilimenti balneari della costa versiliese, da Viareggio a Forte dei Marmi (Lucca), e nelle zone adiacenti alle stazioni ferroviarie. L'attività, con tanto di pedinamenti e controlli effettuati anche sulle spiagge in abiti civili, fanno sapere gli stessi finanzieri, ha permesso di sequestrare borse e accessori contraffatti. Sequestrati, inoltre, alcuni orologi contraffatti venduti ad alcune centinaia di euro nei pressi di uno stabilimento balneare.

Nel corso dei controlli è stata sanzionata anche un'acquirente che, sotto la tenda di uno stabilimento balneare, aveva appena comprato da un venditore ambulante, pagandola 100 euro, una borsa contraffatta completa di sacchetto e cartellino. La donna, sessantenne è stata verbalizzata amministrativamente.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie