Contraffazione: Amazon e KF Beauty contro i falsi cosmetici

Una causa congiunta contro le imitazioni di Wunder2

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Amazon e KF Beauty hanno intentato una causa congiunta contro quattro società e 16 persone per contraffazione dei prodotti cosmetici per le sopracciglia Wunder2 della società KF Beauty, incluso il gel Wunderbrow". Lo ha detto all'ANSA Dharmesh Mehta, vicepresidente di Amazon Customer Trust e Partner Support, nel corso di un'intervista sul tema della lotta alla contraffazione.

Le quattro società, secondo i ricorrenti, hanno messo in vendita i prodotti illeciti negli store di Amazon in violazione alle politiche della piattaforma di e-commerce e dei diritti di proprietà intellettuale dei vari marchi registrati di KF Beauty.

Nella causa depositata alla Corte distrettuale di Washington si sostiene che i sospettati avrebbero operato di concerto tra loro per contraffare i prodotti di KF Beauty. Amazon fa sapere che, come nella recente causa congiunta con la Maison Valentino, se i sospettati saranno ritenuti responsabili, KF Beauty riceverà tutto il ricavato dalla causa.

Nel frattempo, Amazon chiarisce che sono stati rimborsati tutti i clienti che hanno acquistato e ricevuto prodotti KF Beauty contraffatti. "Apprezziamo molto il rapporto che abbiamo stretto con Amazon come partner commerciale responsabile", ha detto Agnes Hjelmer, Ceo di Kf Beauty. Il suo supporto ha permesso all'azienda di proteggere il nostro marchio Wunder2, i nostri prodotti e i clienti che abbiamo in comune, mantenendo la nostra promessa di porre i clienti al primo posto".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie