Copyright: Europol, smantellati 60 server illegali

Distribuivano film inediti in tutto il mondo

Redazione ANSA

BRUXELLES - Europol ha smantellato sessanta server in Nord America, in Europa e in Asia collegati al Gruppo Sparks che diffondevano illegalmente online, a livello mondiale, centinaia di film e programmi tv prima della data di uscita. La rete di hacker è accusata di aver violato i diritti d'autore causando perdite per decine di milioni di dollari alle principali industrie cinematografiche e televisive statunitensi.Lo rende noto la stessa Europol in una nota in cui dichiara che i principali sospettati sono stati arrestati.

I server illegali si trovavano in tutto il mondo: in Canada, Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Germania, Lettonia, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Corea del Sud, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito. L'indagine è stata coordinata dalle autorità statunitensi e da quelle di altri 18 Paesi con il supporto di Euopol e Eurojust.

In particolare, secondo l'inchiesta, il gruppo Sparks, sotto indagine dal 2016, avrebbe ottenuto dvd e dischi blu-ray che contenevano film o programmi tv inediti riproducendoli e caricandoli pubblicamente sui server online, violando il copyright con software speciali. Inoltre, i membri del gruppo Sparks sono accusati di aver dichiarato il falso, in diverse occasioni, affermando di essere rivenditori di dvd e promettendo di non immettere sul mercato il contenuto prima della distribuzione ufficiale. Ma i film sono stati invece riprodotti su piattaforme streaming.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie