Presidenza tedesca Ue, a Cultura 1-2% del Recovery Fund

La ministra Gruterres, 'la cultura non è un lusso'

Redazione ANSA

BRUXELLES - Destinare l'1-2% (tra i 7,5 e i 15 miliardi di euro) del Recovery fund a misure a sostegno della cultura e dei media sarà tra le priorità della presidenza tedesca. Così la commissaria tedesca per la Cultura, Monika Gruterres, ha espresso sostegno alla proposta degli eurodeputati per gestire le conseguenze del Coronavirus nel settore culturale, durante un'audizione presso la commissione Cultura del Parlamento Europeo. Tra le priorità del semestre gli eurodeputati e la ministra tedesca hanno ribadito anche la necessità di un ampio supporto a livello europeo per il settore dei media e del giornalismo per affrontare la crisi, garantire il pluralismo dei media e la lotta alla disinformazione.

"La Cultura non è un lusso su cui contare solo in tempi buoni. - ha dichiarato la ministra Gruterres -L'arte e la cultura sono fondamentali per affrontare i problemi della società, per promuovere l'innovazione, la riflessione, diffondere l'empatia, creare dibattito" ha aggiunto. Inoltre gli europarlamentari hanno invitato la presidenza tedesca a sostenere la richiesta di assicurare un finanziamento adeguato al programma Erasmus plus all'interno del quadro finanziamento pluriennale 2021-2027, a concentrarsi sull'accessibilità dei corsi didattici online, sui percorsi di mobilità e stage, sul futuro del settore sportivo e dei programmi creativi europei.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie