Sequestrate 11 mila mascherine con griffe contraffatte

A Prato, operazione della Guardia di finanza

Redazione ANSA PRATO

La guardia di finanza di Prato ha sequestrato 11mila mascherine facciali che riportavano l'effige di famose griffe della moda: erano tutte false. L'operazione è scattata in seguito al controllo di una pattuglia di finanzieri che hanno fermato un furgone che transitava nell'area del Macrolotto uno, la Chinatown industriale nella zona sud di Prato. Nel vano sono state trovate mascherine semilavorate in tessuto, con impressi i disegni e i loghi registrati da importanti brand. Alla guida un 37enne cinese, residente a Prato, rappresentante legale di una società con sede sempre a Prato: l'uomo, secondo quanto spiegato dalle fiamme gialle, non sarebbe stato in grado di fornire indicazioni circa la provenienza e la destinazione della merce, nè di esibire le autorizzazioni necessarie per l'utilizzo dei marchi registrati.
    La perquisizione, estesa ai locali dell'azienda, ha poi fatto rinvenire e sequestrare le 11mila mascherine. Il 37enne è stato denunciato per i reati di contraffazione e ricettazione. Le indagini proseguono al fine di ricostruire l'intera filiera del falso e per gli approfondimenti degli aspetti di natura fiscale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie