Google: 1 miliardo di dollari in tre anni agli editori

Lancia un nuovo prodotto, media sceglieranno notizie da mostrare

Redazione ANSA

Google investirà un miliardo di dollari in tre anni per sostenere l'editoria attraverso partnership con realtà editoriali su scala mondiale. Lo rende noto il Ceo Sundar Pichai in un post in cui annuncia la nascita di un nuovo prodotto, chiamato "Google News Showcase".

A differenza di Google News, l'aggregatore di notizie online contro cui più volte si sono mossi gli editori chiedendo di essere ricompensati per i contenuti usati, adesso la società californiana "pagherà gli editori per creare e curare contenuti di alta qualità per un diverso tipo di esperienza di notizie online", spiega Pichai. Saranno gli editori a scegliere quali notizie mostrare e come farlo.

Google News Showcase prende il via oggi in Brasile e in Germania, attraverso partnership con diverse realtà editoriali tra cui Der Spiegel e Die Zeit, per poi espandersi in altri Paesi. Gli accordi già siglati sono circa 200 in Germania, Brasile, Argentina, Canada Regno Unito e Australia.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie