Sequestrati 12.400 prodotti contraffatti, anche mascherine

Due interventi Gdf Napoli, molti i prodotti per i bimbi

Redazione ANSA NAPOLI

NAPOLI - Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha sequestrato, nel corso di due distinti interventi, oltre 12.400 articoli contraffatti e denunciato per contraffazione e ricettazione due persone, un 48enne e una 55enne entrambi napoletani.
    In particolare, nel corso di un primo intervento, i "Baschi Verdi" del Gruppo Pronto Impiego hanno individuato nel quartiere Miano uno stand nel centro commerciale "La Birreria", all'interno del quale erano esposti più di 2.200 articoli con marchi contraffatti. Tra i prodotti rinvenuti, numerosi accessori per bambini, come capi di abbigliamento, borracce, materiali di cancelleria, tazze, libri, adesivi, tutti con loghi contraffatti dei più noti e attuali personaggi dei cartoni animati. Sequestrate anche mascherine destinate ai più piccoli non a norma dal punto di vista sanitario e con loghi di noti marchi contraffatti.
    In una seconda operazione, individuato nel centro storico di Napoli un laboratorio abusivo nel quale si realizzavano borse con falso marchio Gucci e Louis Vitton. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto "Be Aware, protect your future" è stato cofinanziato dall'EUIPO - Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale nel quadro dell'invito a presentare proposte GR/002/19 "Sostegno ad attività di sensibilizzazione al valore della proprietà intellettuale e ai danni provocati dalla contraffazione e dalla pirateria (2019/C 181/02)". L'EUIPO non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre l'EUIPO non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie