Marche

Nelle Marche nasce 'Itinerario ebraico'

Legge regionale, in rete 15 Comuni testimonianze culturali

(ANSA) - ANCONA, 27 LUG - I siti più rilevanti delle testimonianze artistiche, storiche e culturali del popolo ebraico nelle Marche saranno messi in rete e valorizzati. Lo prevede una legge approvata all'unanimità dal Consiglio regionale delle Marche che istituisce un "Itinerario ebraico marchigiano". Il testo stabilisce che la Regione "promuove la memoria storica del popolo ebraico nelle Marche, con particolare riferimento alle vicende persecutorie che nei secoli lo hanno interessato e sostiene interventi di promozione e valorizzazione dei siti storico-culturali ed architettonici ebraici presenti nel territorio". Potranno essere finanziati itinerari didattico-informativi, studi e ricerche, manifestazioni (convegni, programmi educativi, mostre), progetti di visite guidate. In allegato alla legge un elenco dei primi 25 Comuni dell'itinerario. Per la provincia di Pesaro Urbino sono Apecchio, Barchi (Terre Roveresche), Fano, Mondavio, Mondolfo, Pergola, Pesaro, Sant'Angelo in Vado, Urbania, Urbino. Per quella di Ancona, oltre al capoluogo marchigiano, Castelleone di Suasa, Jesi, Osimo, Senigallia. Per quella di Macerata, Camerino, Corridonia, Macerata, Recanati, San Severino, Tolentino. Pr quella di Ascoli Piceno, il capoluogo di provincia e Ripatransone. Per quella di Fermo, il capoluogo e Monterubbiano. La rete dei siti potrà essere integrata, anche su segnalazione degli enti locali. La legge, finanziata con 15mila euro, prevede l'istituzione di un Comitato che coordinerà gli interventi, con rappresentanti della Comunità ebraica e del Tribunale Rabbinico del Centro Nord Italia. Presentata dal capogruppo di Civici Marche, Giacomo Rossi, primo firmatario e relatore di maggioranza, la pdl è stata sottoscritta dai consiglieri della Lega Antonini, Marinelli e Bilò, e dai capigruppo Ciccioli (Fdi), che durante il dibattito ha ricordato la storica presenza ad Ancona di una della maggiori comunità ebraiche in Italia, Marcozzi (Fi), Latini (Udc). Rossi ha ricordato che la legge nasce da una mozione da lui presentata il 26 gennaio, Giorno della Memoria. Il relatore di minoranza, Andrea Biancani (Pd), ha sollecitato la ripresa di iniziative avviate nella precedente legislatura come la collocazione di pietre d'inciampo (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie