Sport
  1. ANSA.it
  2. Sport
  3. Altri Sport
  4. Tiro: Rossi, mia nomina a Issf grazie a prestigio Italia

Tiro: Rossi, mia nomina a Issf grazie a prestigio Italia

Rientrato a Fiumicino neo presidente Federazione mondiale

(ANSA) - FIUMICINO-ISOLA SACRA, 04 DIC - "Sono colmo di gioia. E' un prestigio per il nostro Paese": lo ha detto Luciano Rossi, neo presidente della 'International Shooting Sport Federation' (ISSF), all'arrivo all'aeroporto di Fiumicino, dopo essere rientrato da Il Cairo dove, alla presenza di tutte le delegazioni mondiali, si sono tenute le votazioni della settantesima Assemblea del massimo organismo mondiale del tiro nella seduta plenaria elettiva di Sharm-El-Sheikh (Egitto). Ieri invece Rossi ha presenziato allo svolgimento allo svolgImento della President's Cup, classica del tiro a volo in cui, nella Fossa donne, si è imposta l'olimpionica azzurra Jessica Rossi.
    Sessantottenne umbro di Foligno, già presidente della Federazione italiana tiro a volo (Fitav), Rossi ha ricevuto 136 voti dei delegati delle Federazioni di tutto il mondo superando il presidente uscente, l'oligarca russo Vladimir Lisin. "La mia è una storia di dedizione allo sport - dice Rossi - ma è stata anche una battaglia. Abbiamo lavorato molto, insieme alla mia squadra. Nella Issf arriviamo da anni difficili e da una gestione complicata. Ora è storia passata e si apre un nuovo corso, un nuovo inizio al servizio della comunità dello sport nazionale e internazionale. Si aspettavano molto da noi: c'era una attesa particolare per questa elezione che ora può portare prestigio al nostro paese. Credo che il merito vada alla credibilità dell'Italia, a ciò che il nostro Comitato Olimpico ha saputo fare, alla nostra Federazione e da ultimo anche al mio impegno di lungo corso. Sono molto motivato a portare il meglio delle nostre capacità e delle nostre esperienze a favore dei valori dello sport". "Nei prossimi giorni saremo a Losanna e poi al nostro quartiere generale a Monaco - conclude il neopresidente -, per briefing e riunioni e per dare un'accelerazione al lavoro dimenticando le cose, non certo belle, degli ultimi anni". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie