12:53

Rep. ceca: risultati finali voto confermano avanzata populisti

Ma a Praga e Brno bene coalizione governo, mantiene maggioranza

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - PRAGA, 25 SET - Nelle elezioni comunali il principale partito populista di opposizione Ano (Azione del cittadino scontento) dellïex premier Andrej Babis ha guadagnato punti significativi nelle grandi città e ha riportato successo anche nel primo turno delle elezioni per il rinnovo di parte del Senato. I partiti della coalizione di governo (Civici democratici Ods, popolari Kdu-Csl,Top 09, Pirati, Sindaci e indipendenti) hanno invece vinto nelle due città maggiori del Paese, Praga e Brno. I risultati finali, resi noti stamani, confermano quindi sostanzialmente quanto anticipato dai parziali in serata.
    Nel primo turno delle elezioni per il Senato - dove l'affluenza è stata del 42,65% - la maggioranza relativa è andata ad Ano, davanti a Ods, Kdu-Csl e TOP 09. Ma nel secondo turno, che si terrà venerdì e sabato prossimi, i populisti avranno 17 ballottaggi per sfidare i partiti della coalizione governativa. Per la prima volta ai ballottaggi sarà presente un candidato degli estremisti della Libertà e democrazia diretta (Spd). Ma a prescindere dai risultati del secondo turno, i partiti della coalizione di governo manterranno la maggioranza nella Camera del Parlamento.
    Quanto al voto delle comunali, dove l'affluenza è stata del 46,07%, i risultati definitivi mostrano che il movimento populista Ano ha vinto in otto delle 13 città nelle 13 regioni, mentre le altre cinque vittorie spettano ai partiti della coalizione governativa di centro-destra . A Praga, i partiti di governo hanno una maggioranza confortevole e dovrebbero iniziare presto i negoziati.
    Nei comuni più piccoli della Cechia invece tradizionalmente dominano i candidati indipendenti e le liste civiche locali.
    (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    12:46

    Israele: inizia l'anno 5783, sinagoghe piene ma in allerta

    Il numero degli abitanti sfiora i 10 milioni

    Chiudi  (ANSA)

    (ANSA) - TEL AVIV, 25 SET - Israele celebra da stasera, come vuole la tradizione, l'inizio dell'anno 5783 dalla creazione divina del mondo. Alla luce di una serie di recenti attacchi palestinesi, la polizia ha consigliato ai fedeli che si recheranno in sinagoga per celebrare il Rosh Hashanah di avere armi con sé, per poter affrontare possibili situazioni di emergenza. Tutta la polizia israeliana è impegnata a presidiare le aree più affollate del Paese ed i luoghi di ritrovo.
        Una particolare attenzione viene dedicata a Gerusalemme e ai suoi Luoghi santi. Almeno 5.000 agenti di polizia e militari della guardia di frontiera saranno dislocati in città nel timore di incidenti fra fedeli ebrei e islamici, in particolare nell'area della Spianata delle Moschee (il Monte del Tempio per gli ebrei). La polizia ha anche fatto appello alla popolazione a guardarsi - in giorni di elevata tensione - dalla diffusione di fake news nelle reti sociali.
        In questa occasione l'Ufficio centrale di statistica ha reso noto che il numero complessivo dei cittadini israeliani è di 5.593.000, di cui il 74% sono ebrei. In questa cifra sono inclusi 26 mila ebrei russi e 14 mila ebrei ucraini immigrati negli ultimi mesi a causa del conflitto fra i due Paesi. (ANSA).
       

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      12:41

      Bonus 200 euro: domani via alle domande degli autonomi

      A partire dalle 12, in caso di redditi inferiori ai 35.000 euro

      Chiudi  (ANSA)

      (ANSA) - ROMA, 25 SET - A partire dalle 12 di domani, lunedì 26 settembre, i lavoratori autonomi iscritti all'Inps e i professionisti associati alle Casse di previdenza private potranno richiedere (sui siti dei propri Enti pensionistici) l'indennità da 200 euro prevista dal decreto Aiuti. All'indomani della pubblicazione in Gazzetta ufficiale del testo attuativo della misura, dunque, scatterà la chance di ottenere il bonus per chi ha redditi dai 35.000 euro in giù. (ANSA).
         

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        12:38

        Saman: la madre intercettata, "io e tuo padre siamo morti lì"

        Le parole della donna in una conversazione con l'altro figlio

        Chiudi  (ANSA)

        (ANSA) - BOLOGNA, 25 SET - "Noi siamo morti sul posto". Sono parole pronunciate da Nazia Shaheen, madre di Saman Abbas, in una conversazione con l'altro figlio, intercettata a fine agosto 2021. È la prima volta dal delitto che spuntano parole della donna, che in questa occasione parla di sé e del marito, Shabbar Abbas. La telefonata è nel maxi faldone del processo per l'omicidio della diciottenne pachistana che inizierà a febbraio 2023 a Reggio Emilia. Processo che, dopo indagini dei carabinieri e della pm Laura Galli, vede imputati cinque familiari della ragazza, i genitori latitanti in Pakistan, due cugini e uno zio arrestati tra Francia e Spagna. (ANSA).
           

          RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

          12:29

          Russia valuta il richiamo dei lavoratori immigrati 45-50enni

          Proposta presidente Consiglio diritti umani del Cremlino

          Chiudi  (ANSA)

          (ANSA) - ROMA, 25 SET - Il presidente del Consiglio per i diritti umani del Cremlino Valery Fadeyev ha proposto di prendere in considerazione la possibilità di aumentare a 45 o 50 anni l'età di richiamo dei lavoratori immigrati e di altri cittadini che sono arrivati in Russia e hanno ricevuto la cittadinanza russa. "La Costituzione dice che difendere la Patria è un dovere e una responsabilità del cittadino della Federazione Russa, senza fare alcuna differenza tra chi ha ricevuto la cittadinanza alla nascita e chi è stato naturalizzato. È necessario colmare questa lacuna giuridica e considerare la possibilità di aumentare l'età di chiamata per i cittadini naturalizzati a 45 o 50 anni", ha dichiarato Fadeyev domenica sul canale Telegram del Consiglio, citato da Interfax.
              La questione della mobilitazione è molto delicata per la società, e la richiesta di giustizia e trasparenza di questa procedura è estremamente alta, ha detto. Una delle lamentele più frequenti riguarda i lavoratori migranti e altri cittadini che sono arrivati in Russia e hanno ricevuto la cittadinanza russa. "Secondo la legge attuale, se hanno più di 27 anni, non possono essere chiamati per il servizio militare e non possono essere inclusi nella riserva", ha detto Fadeyev. Non si tratta di mobilitare immediatamente gli stranieri naturalizzati, perché sarebbe una discriminazione, ha detto. E ha fatto l'esemoio di Israele dove a un rimpatriato viene concesso un anno per ambientarsi, dopodiché viene chiamato a prestare servizio nell'Esercito. Il Consiglio per i diritti umani ha in programma di tenere presto consultazioni su questo tema con le commissioni competenti del Parlamento. (ANSA).
             

            RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

            12:11

            Campania top in Ue per famiglie con bassa intensità lavoro

            Regione con numero maggiore di famiglie con il Rdc: 236.973

            Chiudi  (ANSA)

            (ANSA) - ROMA, 25 SET - Tre abitanti under 60 della Campania su 10 vivono in famiglie "a bassa intensità di lavoro": in nuclei con adulti (esclusi gli studenti e i pensionati) che lavorano meno del 20% dell'orario potenziale. Emerge dalle tabelle Eurostat sulla povertà secondo le quali la regione con il 29,6% nel 2021 registra un forte aumento rispetto al 25,6% del 2020 e al 18,6% del 2019. In Sicilia il tasso è al 22,9% mentre nella media italiana il tasso è l'11,7. La Campania è anche la regione con il numero maggiore di famiglie che percepiscono il Rdc: 236.973 famiglie a luglio, 256.986 se si aggiungono quelle con la pensione di cittadinanza. (ANSA).
               

              RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

              11:41

              Truffe luce e gas,oltre 3milioni di vittime,danno da 505 mln

              Facile.it, truffatori su finti call center e porta a porta

              Chiudi  (ANSA)

              (ANSA) - ROMA, 25 SET - Sono circa 3,1 milioni gli italiani che negli ultimi 12 mesi hanno subito una truffa nell'ambito delle utenze luce e gas, con un danno economico complessivo stimato di oltre 505 milioni di euro (danno medio pari a 162 euro per truffato). E' quanto risulta da un'indagine commissionata da Facile.it agli istituti mUp Research e Norstat.
                  Le utenze luce e gas sono la voce di spesa familiare, tra quelle analizzate nell'indagine, dove gli italiani sono caduti in trappola con più frequenza (7,1% di chi ha risposto) ha dichiarato di aver subito una truffa in questo ambito); seguono le carte elettroniche (6,5%), la telefonia mobile (5,2%), mentre l'assicurazione auto/moto, da alcuni ritenuta una delle aree più a rischio, in realtà è tra i campi analizzati quello dove in percentuale gli italiani sono caduti in trappola con meno frequenza (1,4%).
                  Tra i canali più usati dai truffatori ci sono i finti call center (44%) e le visite porta a porta (31%). Il 54% di chi cade in trappola non denuncia la frode, valore addirittura più alto rispetto alla media rilevata nelle altre voci di spesa familiare oggetto di indagine, dove chi non denuncia è il 41,5% dei truffati.
                  Le vittime predilette dei truffatori sono soprattutto gli uomini (8,9% rispetto al 5,3% del campione femminile) e, a dispetto di quanto si possa pensare, i rispondenti con un titolo di studio universitario (9,9% rispetto al 5,6% rilevato tra i non laureati). Dal punto di vista anagrafico emerge che, a cadere in trappola nell'ambito delle utenze luce e gas, sono più sovente i rispondenti nella fascia di età 35-44 anni (9,2%) mentre, a livello territoriale, sono i residenti nel Nord Est (9,6%). (ANSA).
                 

                RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

                11:02

                Incidenti montagna: due morti sul Gran Sasso

                Allarme scattato alle 23 di ieri, deceduti un uomo e una donna

                Chiudi  (ANSA)

                (ANSA) - TERAMO, 25 SET - E' di due deceduti, un uomo e una donna, il tragico bilancio di un incidente sul Gran Sasso, ai pilastri di Pizzo Intermesoli: con i due scalatori -dei quali non vengono ancora fornite le generalità ma solo la provenienza, Roma e Arezzo- si erano persi i contatti nel pomeriggio di ieri, quando i familiari cercavano di rintracciarli. A segnalarlo il sito informativo emmelle.it, notizia confermata anche dal Soccorso alpino. I cellulari non raggiungibili e nessuna notizia da parte dei due hanno fatto pensare al peggio già in serata, quando è scattato l'allarme, alle 23: l'auto di uno dei due era ancora parcheggiata ai Prati di Tivo. (ANSA).
                   

                  RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


                  Modifica consenso Cookie