00:36

Tesla, Musk dichiarato non colpevole per i tweet

Accusato di non aver all'epoca i fondi per il delisting

Chiudi  (ANSA)

(ANSA) - ROMA, 04 FEB - Elon Musk è stato dichiarato non colpevole dal tribunale di San Francisco, dove era sotto processo per una serie di tweet del 2018 sul delisting di Tesla.
    L'azionista che aveva fatto causa al miliardario aveva accusato Musk di non aver all'epoca i fondi per l'operazione e di aver agito in modo sconsiderato discutendo del piano che forse era solo alle fasi embrionali. (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    20:34

    Lo show di Fiorello in onda su Rai1 dopo le serate di Sanremo

    'Viva Rai2: Viva Sanremo! Di notte' da martedì 7 a venerdì 10

    Chiudi  (ANSA)

    (ANSA) - ROMA, 03 FEB - Lo show di Fiorello andrà in onda su Rai1 dopo le serate del Festival di Sanremo. Lo ha annunciato lo stesso 'Ciuri' con Amadeus in collegamento con il Tg1.
        Le quattro scoppiettanti puntate di 'Viva Rai2: Viva Sanremo! Di notte' andranno in diretta eccezionalmente sulla rete ammiraglia da martedì 7 a venerdì 10 febbraio, subito dopo la puntata di Sanremo: 45 minuti tra notizie, varietà e curiosità dall'Ariston grazie anche agli scoop e collegamenti in diretta con l'inviato al Festival, Gabriele Vagnato. Tutto ciò in compagnia di Fiorello e Fabrizio Biggio e di tutto il cast di Viva Rai2 dal Glass studio di Via Asiago. Mercoledì, giovedì e venerdì mattina, alle 7.15 su Rai 2, andrà in onda Viva Rai2… Viva Sanremo! bis. "Adesso - ha detto Amadeus al Tg1 - le novità sono sempre più incalzanti, perché mancano pochi giorni all'inizio del festival.
        Voglio condividere quella di questa sera con un amico di Sanremo, del festival, vostro e mio". La parola è passata così a Fiorello: "E' un annuncio un po' strano, che nasce dal mioamore per il festival. Andando in onda alle 7 del mattino, non avrei potuto vederlo fino alla fine, al massimo fino alle dieci e mezza, undici meno un quarto, per andare poi a letto. Mi è venuta così l'idea di fare Viva Rai2! subito dopo: appena finisci la puntata, Ama, io vado in diretta, mi dai la linea di notte". (ANSA).
       

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      20:05

      I carabinieri dell'arte rimpatriano 14 reperti dagli Usa

      Opere della civiltà romana quotate non meno di 3 milioni dollari

      Chiudi  (ANSA)

      (ANSA) - ROMA, 03 FEB - Il 2 febbraio 2023, a New York, presso la sede della Procura Distrettuale di Manhattan (D.A.O.), alla presenza del Procuratore Alvin L. Bragg, sono stati restituiti all'Italia 14 pregiati reperti archeologici che, nell'arco degli ultimi decenni, erano finiti negli Stati Uniti, smerciati dai grandi trafficanti internazionali e riportati a casa dai Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale (T.P.C.) in collaborazione con la Procura newyorkese e i colleghi della Homeland Security Investigations (H.S.I.) e del Customs and Border Protection (C.B.P.). I reperti, che resteranno a New York in attesa di essere rimpatriati con spedizione diplomatica, appartengono alle civiltà romana e magnogreca e la datazione si colloca fra il VII secolo a.C. e il II secolo d.C.. Le opere, dall'inestimabile valore storico- culturale, nel mercato erano quotate non meno di 3 milioni di dollari complessivamente. L'importante recupero è stato conseguito grazie alla collaborazione tra Italia e U.S.A. nel settore, un ambito nel quale i Carabinieri dell'Arte e il District Attorney's Office di New York hanno realizzato una cooperazione di ineguagliabile efficacia nel mondo. Alla presentazione del ritrovamento c'erano il Console Generale d'Italia a New York, dottor Fabrizio Di Michele, il Comandante dei Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, Generale di Brigata Vincenzo Molinese, il Vice Procuratore del D.A.O. di Manhattan, Colonnello Matthew Bogdanos e lo Special Agent in Charge H.S.I., Ivan J. Arvelo e il Direttore (C.B.P.), Francis Russo. (ANSA).
         

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        19:47

        Lula, sono convinto che Bolsonaro abbia preparato un golpe

        'Oggi ne sono consapevole e lo dirò forte e chiaro'

        Chiudi  (ANSA)

        (ANSA) - RIO DE JANEIRO, 03 FEB - Il presidente del Brasile, Luiz Inacio Lula da Silva, si è detto "sicuro" che il suo predecessore, Jair Bolsonaro - da lui definito "uno psicopatico" - abbia preparato e partecipato ad un tentativo di colpo di Stato in occasione dell'assalto ai palazzi del potere di Brasilia avvenuto l'8 gennaio da parte di sostenitori radicali dell'ex leader di destra.
            "Questo cittadino ha preparato un colpo di stato. Oggi ne sono consapevole, lo dirò forte e chiaro: questo cittadino ha preparato un colpo di stato", ha detto Lula durante un'intervista al giornalista Kennedy Alencar, nel programma 'É Notícia' di RedeTv.
            "Volevano fare casino il primo gennaio, ma si sono resi conto che non era possibile perché c'erano troppi poliziotti e troppa gente per strada", ha aggiunto il presidente della Repubblica a proposito della cerimonia di Capodanno, giorno del suo insediamento ufficiale al governo. (ANSA).
           

          RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


          Modifica consenso Cookie